logo chi siamoformazionecontatti

 

ARIA PERFORMING ART FESTIVAL

SCARICA IL PROGRAMMA IN JPG: CLICCA SULL'IMMAGINE

PROGRAMMA
GIOVEDÌ 21 LUGLIO - Molineddu
Apertura zona ristoro ore 19.30
Inizio spettacoli ore 20.30
- UPS! I’M OUT di Claudia Adragna
- UN SER DE LA NADA di Ivelice Brown
- 20-20 di Gabriella Maiorino

VENERDÌ 22 LUGLIO - Molineddu
Apertura zona ristoro ore 19.30
Inizio spettacoli ore 20.30
- DECORATOR CRAB di Ivelice Brown
- BLIND DATE di Giselda Ranieri
- MATÌS di Salvatore Maltana

SABATO 23 LUGLIO - Molineddu
Apertura zona ristoro ore 19.30
Inizio spettacoli ore 20.30
- ESUVIA di Trioxx
- STUDIO PER ROCK di Senza Confini Di Pelle

DOMENICA 24 LUGLIO - Ossi
Inizio spettacolo ore 18.30
- PEREGRINI - A RIVEDER LE STELLE di Theandric Teatro Nonviolento

LUOGHI
21-23 LUGLIO PARCO DELLE ARTI DI MOLINEDDU - OSSI (SS)
24 LUGLIO PARCO FUNDONE - OSSI (SS)

 

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
338 4040237 - 347 0561735  
senzaconfinidipelle@gmail.com

 

Abbiamo bisogno di respirare nuova Aria.
Con questa premessa siamo partiti dall’ideare un spazio aperto di incontro in cui il corpo e la mente respirano nuove energie. Abbiamo pensato ad un Festival in cui la natura e la cultura si incontrano per rigenerare pensieri e relazioni. Il luogo ideale per accogliere queste alchimie è il Parco delle Arti di Molineddu nel comune di Ossi (SS). Il programma di questo primo anno vede il corpo come catalizzatore di poetiche che riflettono la ricerca continua di equilibrio tra tensioni sociali e personali. Tutti gli spettacoli proposti hanno una forte tendenza al multidisciplinare con una propensione per il linguaggio della danza contemporanea.


Apre il Festival giovedì 21 di Luglio la coreografa torinese Claudia Adragna con il suo solo Ups! I’m out”, un onirico viaggio nei mancati appuntamenti e nell’essere fuori tempo, si prosegue lo stesso giorno con altre due performance, un’ospitalità internazionale con la coreografa venezuelana Ivelice Brown che porta il suo solo Un ser de la nada” tra fantascienza e ritmi techno, per chiudere con la coreografa romana Gabriella Maiorino (prodotta per molti anni in Olanda) con il suo duetto “20-20” di grande energia cinetica in cui viene indagata la relazione spaziale di due corpi simbiotici interpretati da Francesca Mazzoni ed Elisa Quadrana.


Ad aprire le danze venerdì 22 Luglio è Ivelice Brown insieme alla danzatrice venezuelana Victoria Villalba con un duetto dal titolo Decorator Crab” una riflessione appassionata sul consumismo dell’abbigliamento e sulla conseguente implicazione ambientale. La serata prosegue con la coreografa genovese Giselda Ranieri con il suo “Blind Date” e il contrabbassista algherese Salvatore Maltana con il suo ultimo lavoro dal titolo “Matìs. I due artisti si incontrano per la prima volta al Festival per creare un evento unico di inaspettate dinamiche poetiche in cui danza e musica si miscelano in sintonia.


Sabato 23 Luglio si comincia con Trioxx una compagnia di giovani coreografe cagliaritane con il loro primo lavoro dal titolo “Esuvia”, una performance molto intima alla ricerca della propria primitiva identità eseguita da Rachele Montis, Giulia Vacca e Parwanhe Frei. La serata prosegue con uno spettacolo-concerto-happening dal titolo Studio per Rock” della compagnia Senza Confini Di Pelle, che vede un ensamble eterogeneo composto da Dario La Stella (danza), Valentina Solinas (danza), Antonio Baldinu (batteria), Alice Doro (chitarra), Mauro Porcu (narrazione). Un evento unico ed irripetibile in cui i 5 performer si scatenano sulla scena utilizzando diversi materiali sonori, testi, danze, storie di batteristi, portando il pubblico dentro a scenari di concerti Rock e visioni oniriche e lisergiche di grande energia, che mettono addosso la voglia di ballare. A margine della performance viene presentato il libro Metronomicon di Mauro Porcu edito da Tempesta editore.


Chiude infine il Festival domenica 24 Luglio a Ossi la compagnia di Cagliari Theandric Teatro Nonviolento, con lo spettacolo itinerante “Peregrini - A riveder le stelle”, un viaggio esperienziale nella Divina Commedia che attraversa il paesaggio di Ossi passando per il Parco Fundone. Spettacolo a numero limitato di partecipanti.


Con questo respiro finale il Festival si apre verso nuovi orizzonti maturati nelle esperienze di chi ha avuto la possibilità di seguire tutto il suo percorso, con l’augurio di avere sempre Aria nei nostri corpi e nelle nostre menti.

I curatori Dario La Stella e Valentina Solinas.