logo chi siamoformazionecontatti

 

OVERLAP

Eventi tra scienza e arte su biodiversità e migrazione

 

SOGGETTO PROMOTORE > Ente Parco Nazionale dell'Asinara - SPRAR/GUS - Senza Confini Di Pelle


SOGGETTO CAPOFILA > Senza Confini Di Pelle


PARTENARIATO >

SARDEGNA
           
Centro Studi Fauna (Porto Torres)
Deborah Ricciu - Espandere Orizzonti (Olbia - Kampala)
Parabatula (Sassari)
S'ala (Sassari)
Tusitala (Cagliari)
Università degli Studi di Cagliari - Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio
Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica

NAZIONALI

Kiwi (Rosarno, RC)
Artistica Music & Show SCpa (Bra, CN)
Stalkerteatro (Torino)
Medu - Medici per i diritti umani (Roma)

INTERNAZIONALI

CNN / Centre Chorégraphique National de Nantes
Dance Theatre Comma8 (Vilnius)
Det Stille Teateret (Oslo)
Skisser I Bevegelse (Oslo)
Living Theater (USA)


INTRODUZIONE
OVERLAP è un progetto di ricerca multidisciplinare che ha come oggetto di indagine la sovrapposizione delle rotte migratorie degli uccelli e quelle degli uomini, da qui il titolo in inglese.
Nello specifico si prendono in considerazione le rotte che collegano il mare Mediterraneo con l'Africa centrale e l’Europa del nord.
Da una prima lettura si nota come le mappe elaborate dall’ISPRA (Istituto Superiore Ricerca Ambientale) in uso presso l’Osservatorio Faunistico del Parco Nazionale dell'Asinara in cui vengono rilevate le rotte degli uccelli migratori tra Africa ed Europa coincidano in modo quasi totale con le mappe stilate da Medu (Medici per i Diritti Umani) che riportano le rotte delle persone che dai paesi del centro Africa si spostano verso l'Europa.
Questa coincidenza rileva molto di più di una semplice sovrapposizione grafica: mette in risalto un aspetto biologico della migrazione che esula completamente la dimensione politica.

TEMA DI INDAGINE
Il progetto intende prendere in esame la sovrapposizione delle mappe sopra descritte per approfondire la relazione tra Migrazione e Biodiversità, ovvero di come questa relazione produca una reciproca modificazione anche in base al concetto di Residenza.
Se da un punto di vista puramente biologico la biodiversità è la ricchezza formale di una specie in grado di creare un equilibrio all'interno di un ecosistema grazie alle relazioni che queste creano, quale relazione intercorre tra l'aspetto residenziale e quello migratorio di una determinata specie?

STRUTTURA
Il progetto si sviluppa attraverso una serie di azioni replicate ogni anno nel triennio 2019-2021.
Le azioni si suddividono in:

1. Divulgazione

2. Workshop multidisciplinari

3. Eventi performativi, espositivi e scientifici         

                                             

1. Divulgazione (marzo - dicembre 2019)
- call internazionale per giovani a partecipare al workshop multidisciplinare all’Asinara
- conferenze stampa
- presentazione conclusiva dell'annualità
- promozione e diffusione a livello regionale, nazionale, internazionale, tramite social media, carta stampata, mailing list, radio e televisioni
- pubblicazione cartacea dei risultati scientifici

2. Workshop (27 maggio - 2 giugno 2019)
Il workshop residenziale multidisciplinare presso il Parco dell'Asinara ha una durata di una settimana.
Il workshop è tenuto da un gruppo di 11 scienziati e artisti provenienti da discipline differenti: biologia, ornitologia, architettura, antropologia, geografia, fotografia, danza, letteratura. Il gruppo di lavoro è così composto: Dario La Stella (Arte Performativa - Senza Confini Di Pelle), Valentina Solinas (Arte Performativa - Senza Confini Di Pelle), prof.ssa Silvia Serreli (Paesaggio - UniSS), prof. Raffaele Cattedra (Geografia - UniCA), Danilo Pisu (Ornitologia - Centro Studi Fauna), Elisa Ferrari (Danza - CCNN), Tom Walker (Teatro - Living Theatre), prof. Maurizio Memoli (Geografia - UniCA), Carlo Birocchi (Letteratura - Tusitala), Rosy Giua (Fotografia - Tusitala).
Al gruppo di lavoro si aggiungono un documentarista (Marco Iozzo - Artistica Music&Show), un dottorando e un borsista dell'Università di Cagliari.

Il workshop è rivolto a un gruppo di 10 partecipanti composto da rifugiati e richiedenti asilo provenienti dagli SPRAR del territorio, giovani, studenti universitari, ricercatori, attori, danzatori, o persone fortemente interessate ai temi trattati. Il tema di indagine è utilizzato come base di partenza per elaborare i contenuti del workshop attraverso il coinvolgimento diretto del corpo, utilizzando l'osservazione come strumento di indagine privilegiato.
Lo scambio delle pratiche delle diverse discipline e delle singole esperienze sarà la metodologia per lo sviluppo della ricerca.
Il workshop avrà come scenario l’isola dell’Asinara e vedrà impegnati i suoi partecipanti per 8 ore al giorno, in differenti momenti e luoghi dell’isola.

Al termine del workshop si elaboreranno i risultati prodotti nelle forme delle specifiche discipline. I possibili formati sono: mostra fotografica, articoli scientifici, installazione multimediale, pubblicazione scientifica, narrazione letteraria nella forma di racconto, poesia, drammaturgia, sceneggiatura, performance di danza, componimento musicale, documentario. I risultati prodotti creeranno un "ecosistema di ricerca" che sarà visibile da un pubblico a seconda delle forme sopra descritte.

LINK ALLA CALL PER PARTECIPARE AL WORKSHOP

3. Eventi performativi, espositivi e scientifici (giugno - novembre 2019)

- Over trekking (1 giugno 2019 - Asinara):
Il primo risultato prodotto dal workshop sarà un evento performativo aperto al pubblico, una performance itinerante nel Parco dell'Asinara della durata di circa 2 ore con interventi scientifici, danza, narrazione. La performance sarà creata e interpretata dal gruppo di lavoro (docenti e artisti) compresi i partecipanti al workshop (Rifugiati, Richiedenti Asilo, Giovani, Studenti, Performer).

- Mostra fotografica:
serie di scatti fotografici a cura di Rosy Giua. Inaugurata a Cagliari e replicata a Porto Torres, Sassari, Alghero, Nantes. Gli scatti della mostra fotografica saranno inseriti nel catalogo finale del progetto. La mostra è prodotta dall'Università di Cagliari in collaborazione con l'associazione culturale Tusitala.

- Video documentario:
documentario del workshop con interviste ai partecipanti e scene delle varie attività. Sarà presentato in anteprima a Porto Torres e in altre sedi sia nazionali che internazionali per essere poi visibile sul sito dedicato al progetto. Il documentario è prodotto dalla Artistica Music & Show SCpa (Bra, CN).

- Spettacolo di danza:
elaborato con alcuni partecipanti del workshop tra cui alcuni ospiti stranieri, presentato in Sardegna (Porto Torres, Sassari, Alghero Cagliari), Italia, Francia, Norvegia e Lituania. Uno spettacolo nato dalle tematiche elaborate durante il workshop ed interpretato da alcuni dei partecipanti. Lo spettacolo è prodotto da CCNN / Centre Chorégraphique National de Nantes (Francia), Living Theatre (USA), Senza Confini Di Pelle (Sassari) e S'ALA (Sassari).

- Articoli scientifici:
pubblicati in riviste di settore e presentati ufficialmente ad Alghero, Cagliari, Sassari, Nantes, Vilnius, Oslo, Rosarno e Torino. I risultati scientifici saranno presentati presso le Università di Sassari e Cagliari dai docenti Silvia Serreli (Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica), Raffaele Cattedra (Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche) e Maurizio Memoli (Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche), attraverso un convegno interuniversitario. Il progetto intende presentare i risultati scientifici non solo in ambito accademico ma anche in altre sedi con il supporto della rete dei partner.