logo chi siamoformazionecontatti

 

ARIA PERFORMING ART FESTIVAL

2024

scarica pdf Locandina Aria Performing Art Festival 24

 

INTRODUZIONE

INVISIBLE MATTERS
Sarà questo il tema portante di tutto il programma di ARIA Performing Art Festival 2024.
Ciò che non si vede, che è invisibile ad uno sguardo frettoloso, che si nasconde dietro al passare del tempo, che è racchiuso in forme ormai conosciute e dentro l'abitudine del quotidiano: è questo che vogliamo mostrare, che ha per noi l'importanza di essere guardato e cercato: La bellezza custodita nei luoghi, nei gesti, negli sguardi, e nelle parole.

Il 25 maggio il Festival apre le sue porte con un'anteprima a Sassari.
Dalle ore 18 una successione di performance di danza urbana a cura delle compagnie Senza Confini Di Pelle, Il Balletto del Mediterraneo e Marianna Cifarelli animeranno le piazze e le vetrine del centro storico della città.
La stessa Marianna Cifarelli terrà un laboratorio di danza il 26 maggio a Sassari.

Il 28, 29, 30 giugno il Festival entra nel vivo a Ossi, proponendo 2 giornate di spettacoli, laboratori e mostre presso il Parco delle Arti di Molineddu e 1 giornata nel Parco urbano di Badde Othieri.

Si apre venerdì 28 giugno alle ore 15 nel Parco delle Arti di Molineddu con un laboratorio di argilla a cura della compagnia francese Mangano-Massip che abbina la manipolazione dell'argilla all'espressività del corpo. Alle ore 18,30 l'inaugurazione della mostra di fotografia di Silvia Sanna con immagini realizzate all'Asinara nell'ambito del progetto Overlap. Gli spettacoli inizieranno alle ore 20 con una performance di danza della coreografa svizzera Nunzia Tirelli, massima conoscitrice del lavoro di Rudolf Laban, e a seguire il recital per voce e live electronics "Simone Weil - concerto poetico" dell'attrice, regista e scrittrice romana Ilaria Drago, una delle maggiori interpreti del teatro italiano contemporaneo.

Ad aprire la giornata di sabato 29 giugno, alle ore 15, il laboratorio di yoga sciamanico tenuto da Nunzia Tirelli. Gli spettacoli inizieranno alle ore 20 con la performance della danzatrice di Torino Francesca Cinalli, sull'archetipo della freccia, a seguire lo spettacolo itinerante site-specific a cura delle compagnie francesi Mangano-Massip e Genti Arrubia Teatro che unisce danza, musica dal vivo e scultura. Chiude la serata il concerto dei Threesty Punx Waiting Mossa HC, gruppo rock - punk di Sassari composto dagli irriverenti Gigetto Carta, Luigi Palomba, Geppi Sanna, con i loro brani originali.

Domenica 30 il festival si sposta a Ossi: nel parco urbano di Badde Othieri, dove si inizia alle 19 con il suggestivo spettacolo itinerante di Teatro S'Arza "La voce del sentiero" con Paola Dessì, Francesco e Stefano Petretto, che accompagnerà il pubblico all'interno del bosco tra narrazioni e canti della tradizione. Chiude la serata lo spettacolo di danza di grande impatto "Elizabeth I sorry for what?" della compagnia Il Balletto Civile (La Spezia), una delle più importanti del panorama nazionale, un duo che affronta il tema del potere attraverso lo sguardo femminile.

Il 27 e 28 luglio il Festival si sposta a Monteleone Rocca Doria dove il 27 propone alle ore 20 la performance itinerante site - specific a cura delle compagnie Aquilone di Viviana (CA), Collettivo Micorrize (MI), Genti Arrubia (FR), Senza Confini Di Pelle (SS) che dalle rovine del castello arriverà alla ex cava dove l'esibizione del trombettista di Cagliari Matteo Sedda e la performance di danza "In her shadows" chiuderanno la serata.

Il 28 luglio si inizia alle 17 con un workshop di danza a cura di Senza Confini Di Pelle per poi spostarsi nella suggestiva ex cava dove alle 20,30 si terrà il concerto tra Jazz e musical American Trip di Denise Gueye insieme a 5 musicisti che presenteranno brani da Porgy and Bess, L'Opera da tre soldi e West Side Story. Chiude la serata lo spettacolo "Stare di stelle d'istanti" di Senza Confini Di Pelle con i performer Dario La Stella, Valentina Solinas, Nina Zedda, Sara Giordanelli e la chitarrista Alice Doro.

il Festival vedrà così intrecciarsi arte performativa, tradizione e arte visiva.
I protagonisti della scena contemporanea artistica locale, nazionale (Roma, Milano, Torino, La Spezia) e internazionale (Parigi, Lugano, Bruxelles) si incontrano in questo Festival per confrontarsi e dare rilievo e risonanza ai luoghi che li ospitano, dialogando con il territorio e le sue bellezze. Tutti gli eventi si svolgono all'aperto, attraversando contesti bucolici, panorami mozzafiato, ambienti urbani e vestigia della nostra storia antica e recente.
Anche quest'anno vedremo creazioni artistiche ad hoc frutto delle collaborazioni inedite degli artisti coinvolti, invitati per l'occasione a creare insieme e a lavorare in maniera estemporanea per far emergere e dare risalto all'invisibile.

I curatori Dario La Stella e Valentina Solinas

 

PROGRAMMA 2024

SASSARI

SABATO 25 MAGGIO - Sassari
Percorso di danza urbana site-specific h. 18:00 - 20:00
1 INDIPENDENT di e con Marianna Cifarelli (Belgio) / Piazza Fiume h. 18:00
2 OCCHI con Dario La Stella (Sasssari) / Emiciclo h. 18:30
3 DANZA IN VETRINA di e con Il Balletto del Mediterraneo (Sassari) / Cenerentola h. 19:00
4 DANZA IN VETRINA di e con Marianna Cifarelli (Belgio) / G. Diana h. 19:00
5 DANZA IN VETRINA di e con Valentina Solinas (Sassari) / Desole h. 19:00
6 PARALLELO 40 GRADI NORD di e con Il Balletto del Mediterraneo (Sassari) / Piazza S. Caterina h. 19:30
7 PRIMAVERA, INVERNO di e con Il Balletto del Mediterraneo (Sassari) / Duomo h. 20:00

DOMENICA 26 MAGGIO - Sassari
Laboratorio di danza h. 10:30 - 13:30
- MOVING WORDS / Laboratorio di Danza a cura di Marianna Cifarelli (Belgio)

 

OSSI

VENERDI' 28 GIUGNO - Parco delle Arti di Molineddu
Apertura zona ristoro e biglietteria h. 19:00
- GENIUS LOCI - Laboratorio di argilla e danza a cura di Pierre-Yves Massip, Sara Mangano, Barbara Mangano (Francia) / h. 15:00 - h.18:00
- LE COSE LONTANE - Mostra di fotografia di a cura di Silvia Sanna (Alghero) / Inaugurazione h. 18:00
Inizio spettacoli h. 20:00
- KOKORO'S GEOGRAPHY di e con Nunzia Tirelli (Svizzera)
- SIMONE WEIL concerto poetico di e con Ilaria Drago (Roma)

SABATO 29 GIUGNO - Parco delle Arti di Molineddu
Apertura zona ristoro e biglietteria h. 19:00
- DANZA IMMAGINALE - Laboratorio di yoga sciamanico a cura di Nunzia Tirelli (Svizzera) / h. 15:00 - h.18:00
- LE COSE LONTANE - Mostra di fotografia di a cura di Silvia Sanna (Alghero)
Inizio spettacoli h. 20:00
- VERSO UNE FLÉCHE_détour sull'archetipo della freccia di e con Francesca Cinalli (Torino)
- LA COSTANZA DELL'EFFIMERO di e con Con Sara Mangano, Barbara Mangano e Pierre-Yves Massip (Francia)
- THREESTY PUNX WAITING MOSSA HC in concerto di e con Gigetto Carta, Luigi Palomba, Geppi Sanna (Sassari)

DOMENICA 30 GIUGNO - Parco Badde Othieri
Apertura biglietteria h. 18:00 inizio spettacoli h.19:00
- LA VOCE DEL SENTIERO di e con Teatro S'Arza (Sassari)
- ELISABETH I SORRY FOR WHAT? di e con Paolo Rosini e Giulia Spattini, Balletto Civile (La Spezia)


MONTELEONE ROCCA DORIA

SABATO 27 LUGLIO
Performance site-specific itinerante di teatrodanza h. 19:00
- TRAME D'ARIA a cura di Senza Confini Di Pelle (Sassari)
- KODAMA a cura di Collettivo Micorrize (Milano)
- PASSAGGI DI TEMPO a cura di Aquilone di Viviana (Cagliari)
- IN HER SHADOW a cura di Senza Confini Di Pelle e Matteo Sedda (Cagliari)
- MATTEO SEDDA in concerto (Cagliari)

DOMENICA 28 LUGLIO
Apertura zona ristoro h. 19:00
- MAPPE PERFORMATIVE - Laboratorio di teatrodanza a cura di Senza Confini Di Pelle (Sassari) / h. 15:00 - h.18:00
Inizio spettacoli h. 20:00
- AMERICAN TRIP di e con Denise Gueye, Luca Chessa, Francesca Fadda, Cristiana Nuvoli, Angelo Russo, Antonella Chironi (Sassari)
- STARE DI STELLE D'ISTANTI a cura di Senza Confini Di Pelle (Sassari)


LUOGHI
MAGGIO
SASSARI - Centro

GIUGNO
OSSI - Parco delle Arti di Molineddu
OSSI - Parco Badde Othieri

LUGLIO
MONTELEONE ROCCA DORIA


BIGLIETTI
SOLO CONTANTI - NO CARTE

SASSARI
Performance Danza Urbana - GRATUITO
Laboratorio "MOVING WORDS": 25 EURO

OSSI
INTERO: 10 EURO (singola serata)
RIDOTTO: 5 EURO dai 7 ai 14 anni
RESIDENTI COMUNE DI OSSI: 1 EURO
OMAGGIO: sotto i 7 anni
ABBONAMENTO: 20 EURO (3 GIORNI)
Laboratorio "GENIUS LOCI": 20 EURO
Laboratorio "DANZA IMMAGINALE": 20 EURO

MONTELEONE ROCCA DORIA
Spettacoli - GRATUITO
Laboratorio "MAPPE PERFORMATIVE": 20 EURO

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
senzaconfinidipelle@gmail.com
3470561735 / 3384040237

STAFF
DIREZIONE ARTISTICA: Dario La Stella, Valentina Solinas
AMMINISTRAZIONE: Valentina Solinas
ORGANIZZAZIONE: Dario La Stella
DIREZIONE TECNICA: Mario Carta
UFFICIO STAMPA: Grazia Brundu
PROMOZIONE: Shardan Art Web
CREW: Claudia Adragna, Giovanni Becciu

IN COLLABORAZIONE CON: Be in the Move Festival, Il Balletto del Mediterraneo

CON IL SOSTEGNO DI:

SCHEDE SPETTACOLI E WORKSHOP 2024

 

TITOLO: INDIPENDENT
AUTORE: Marianna Cifarelli
DANZA: Marianna Cifarelli
MUSICA: Jean Noel Boissé
AMMINISTRAZIONE: Association Scène Hybride (FR)
GENERE: Danza urbana
QUANDO: Sabato 25 maggio h 18:00 - Sassari

Indipendent è una performance danzata che utilizza  lo spazio urbano come la tela di un pittore.
Linee, prospettive, ritmi, testure e sfumature propongono uno sguardo nuovo su uno spazio di vita quotidiano. 

BIO
Marianna Cifarelli, coreografa e danzatrice, è un'artista versatile e polivalente basata tra la Francia e il Belgio. Ha studiato con Julyen Hamilton, Chiara Taviani, Daniele Ninarello e Milena Zullo ed ha ricevuto una borsa di ricerca teatrale alla Sorbonne Paris 3, dove ha potuto approfondire la drammaturgia e la scrittura scenica. In particolare ha lavorato e lavora con: Pietro Marullo (Artista Aerowaves Twenty18), compagnia Mangano-Massip (Parigi), compagnia Fool's cap/Vinicius Carvalho (Parigi), Marie-do Févral (compagnia Bouche à Bouche), compagnia El Caracol (Belgio), GentiArrubia Teatro di Barbara Mangano (Parigi), Daniele Ninarello (Italia), Sharon Fridman, Collettivo Voci InPopolari (Italia), Claudia Castellucci (Biennale di Venezia - Italia), William Kentridge (Triumph e Laments for Tevereterno- Roma), Aurora Pica (Italia), Gloria Pomardi (Italia), Mvula Sungani (Italia).

 

   

TITOLO: OCCHI
A CURA DI: Senza Confini Di Pelle
PERFORMER: Dario La Stella
GENERE: Danza Urbana
QUANDO: Sabato 25 maggio h 18:30 - Sassari

Uno sguardo su di noi.
Su chi siamo, nel riflesso di qualcuno.
Guardare e guardarsi, nello specchio di altri occhi.
Cercare attenzione, focalizzare.
Gli occhi come strumento di puntamento.
Mi insedio nel tuo sguardo, cercando di essere il tuo fuoco.
Sparami e brucerò con te.

Una performance di danza che sviluppa il tema dell’identità nella continua ricerca di attenzione, gli occhi come strumento di ricezione e proiezione dell’essere.

BIO
Dario La Stella è danzatore, coreografo, autore, regista e performer.
Studia danza e teatro e lavora tra gli altri con Raffaella Giordano, Judith Malina (Living Theatre), Roberto Castello, La Fura dels Baus, Michela Lucenti, Carolyn Carlson.
Dal 1997 conduce una ricerca personale sulla performatività del corpo, sviluppando la sua idea di azione performativa.
Nel 2002 fonda il progetto di ricerca sul linguaggio delle arti performative Senza Confini Di Pelle dove lavora come autore, regista, coreografo e danzatore.
Nel 2004 riceve il Premio per la Miglior Interpretazione Maschile al Valenza Movie Festival e al Corto Fiction Festival di Chianciano con il cortometraggio La Bumba per la regia di Alessandro Dominici.
Nel 2013 con ”Add Up Space and Power” è uno dei 3 coreografi selezionati dal progetto di cooperazione “Metamorphoses” con il sostegno del programma culturale dell’Unione Europea.
Laureato in Antropologia culturale ed Etnologia presso l’Università di Torino.

 

   

TITOLO: DANZA IN VETRINA
AUTORE
: Il Balletto del Mediterraneo
PERFORMER
: Sara Giordanelli, Lucrezia Zuliani, Erika Tedde, Giomaria Carboni
GENERE
: Danza
QUANDO
: Sabato 25 maggio h 19:00 - Sassari

Performance di Danza nella vetrina del negozio Cenerentola di Desole. Le 3 performance nascono dall'interazione delle danzatrici con le vetrine e dal desiderio di comunicare con chi sta oltre il vetro: la città, le persone, i desideri proiettati sulla merce esposta, la necessità di appagamento.

BIO
Il Balletto del Mediterraneo nasce nel gennaio del 1981, è l'istituzione di danza più antica della città di Sassari.  L'associazione ha come finalità la diffusione e lo sviluppo della conoscenza della danza; promuove a tal fine corsi di studio pluriennali con prospettive professionali, attività di ricerca, studio e documentazione.

   

TITOLO: DANZA IN VETRINA
AUTORE
: Marianna Cifarelli
PERFORMER
: Marianna Cifarelli
GENERE
: Danza
QUANDO
: Sabato 25 maggio h 19:00 - Sassari

Performance di Danza nella vetrina del negozio G. DIANA. Le 3 performance nascono dall'interazione delle danzatrici con le vetrine e dal desiderio di comunicare con chi sta oltre il vetro: la città, le persone, i desideri proiettati sulla merce esposta, la necessità di appagamento.

Marianna Cifarelli, coreografa e danzatrice, è un'artista versatile e polivalente basata tra la Francia e il Belgio. Ha studiato con Julyen Hamilton, Chiara Taviani, Daniele Ninarello e Milena Zullo ed ha ricevuto una borsa di ricerca teatrale alla Sorbonne Paris 3, dove ha potuto approfondire la drammaturgia e la scrittura scenica. In particolare ha lavorato e lavora con: Pietro Marullo (Artista Aerowaves Twenty18), compagnia Mangano-Massip (Parigi), compagnia Fool's cap/Vinicius Carvalho (Parigi), Marie-do Févral (compagnia Bouche à Bouche), compagnia El Caracol (Belgio), GentiArrubia Teatro di Barbara Mangano (Parigi), Daniele Ninarello (Italia), Sharon Fridman, Collettivo Voci InPopolari (Italia), Claudia Castellucci (Biennale di Venezia - Italia), William Kentridge (Triumph e Laments for Tevereterno- Roma), Aurora Pica (Italia), Gloria Pomardi (Italia), Mvula Sungani (Italia).

   

TITOLO: DANZA IN VETRINA
AUTORE
: Valentina Solinas
PERFORMER
: Valentina Solinas
GENERE
: Danza
QUANDO
: Sabato 25 maggio h 19:00 - Sassari

Performance di Danza nella vetrina del negozio Desole. Le 3 performance nascono dall'interazione delle danzatrici con le vetrine e dal desiderio di comunicare con chi sta oltre il vetro: la città, le persone, i desideri proiettati sulla merce esposta, la necessità di appagamento.

BIO
Valentina Solinas è danzatrice, regista e performer
Dal 1998 al 2001 studia danza e teatro presso la scuola del Teatro Nuovo di Torino. Nel 2004 si diploma presso la Scuola Professionale delle Arti Teatrali Teatranzartedrama di Torino
Studia inoltre con Adriana Innocenti, Raffaella Giordano, Roberto Castello, Giorgio Rossi, Emma Dante, Cristina Castrillo, Paola Chiama.
Tra il 2006 e il 2007 scrive e dirige la sit-com "Banchi" per il progetto Antropop, con gli attori non professionisti del mercato di piazza Foroni, Torino.Nel 2010 è l'interprete di "Instead of allowing something to rise up to your face dancing bruce and dan and other things" di Tino Sehgal.
Nel  2011  è  interprete  della  sfilata  /performance  coreografata  da  Roberto  Castello  per  la  stilista Alessandra Marchi, Milano - settimana della moda - autunno inverno 2012
Laureata in Psicologia presso l’Università di Torino.

 

   

TITOLO: PARALLELO 40 GRADI NORD
AUTORE
: Alessandra Mura
DANZA
: Francesca Panu, Erika Tedde, Lucrezia Zuliani, Sara Giordanelli, Emilia Satta, Sheila Suozzi, Daniele Migheli, Ludovica Soro, Giommaria Carboni, Consuelo Pittalis
GENERE
: Danza
QUANDO
: Sabato 25 maggio h 19:30 - Sassari

La performance urbana  con la coreografia di Alessandra Mura nasce da un profondo sentimento di amore per la propria città: Parallelo 40 gradi Nord è esattamente la posizione di piazza santa Caterina sulla mappa.
Cercare un luogo, una strada, uno spazio e rispettosamente dialogare con esso, come un luogo sacro. Abbracciare la tua città. Essere il cuore danzante. Diventare parte dello spazio invaso.

BIO
Il Balletto del Mediterraneo nasce nel gennaio del 1981, è l'istituzione di danza più antica della città di Sassari.  L'associazione ha come finalità la diffusione e lo sviluppo della conoscenza della danza; promuove a tal fine corsi di studio pluriennali con prospettive professionali, attività di ricerca, studio e documentazione.

 

   

TITOLO: PRIMAVERA - INVERNO
AUTORE
: Alessandra Mura e Rossella Serra
DANZA
: Erika Tedde, Lucrezia Zuliani, Emma Sotgiu
GENERE
: Danza
QUANDO
: Sabato 25 maggio h 20:00 - Sassari

Primavera  - Inverno rappresenta la fusione tra antico e contemporaneo, l'immersione nel cuore della città con la freschezza e la poesie della danza.

BIO
Il Balletto del Mediterraneo nasce nel gennaio del 1981, è l'istituzione di danza più antica della città di Sassari.  L'associazione ha come finalità la diffusione e lo sviluppo della conoscenza della danza; promuove a tal fine corsi di studio pluriennali con prospettive professionali, attività di ricerca, studio e documentazione.

   

TITOLO: GENIUS LOCI
A CURA DI
: Pierre-Yves Massip (FR), Sara Mangano e Barbara Mangano
GENERE
: Laboratorio di Danza e Argilla
QUANDO
: Venerdì 28 giugno h 15:00-18:00 - Ossi, Parco delle Arti Molineddu

Utilizzeremo l'argilla cruda come campo di esplorazione per tutte le qualità che offre sotto forma di pasta, polvere, gesso, pittura. Esplorando il luogo e le sue forme, cercheremo di fare apparire il Genius Loci attraverso la creazione di opere effimere che si confondono con il luogo stesso.
L'argilla è un materiale vivo che ci riporta all'arte paleolitica, alla scultura figurativa, alla ceramica e alle mitologie della Creazione, un movimento poetico che ci interroga sulla nozione di tempo, durata ed effimero. È un modo per riportare la scultura nel regno delle arti performative, in quanto avrà avuto luogo in un qui e ora che necessariamente ci sfugge.

BIO
Sara Mangano e Pierre-Yves Massip si sono incontrati alla scuola Marcel Marceau nel 1994 e da allora hanno scelto di esplorare insieme i vasti territori dell'immaginario. Un teatro poetico e popolare che prende radici nella grammatica del mimo, ma cerca anche, nell'incontro con le altre arti, dei nuovi continenti teatrali. Dopo aver lavorato con la Compagnia Marcel Marceau e avere tenuto il ruolo di direttori artistici della compagnia Acta Fabula durante 10 anni, Sara e Pierre-Yves creano nel 2010 la loro propria struttura: la Compagnia M.M. (prima chiamata Autour du Mime). Dal 2010 le loro produzioni fanno il giro del mondo: Cina, USA, Kossovo, Polonia, Iran, Italia, Svizzera, Spagna, Inghilterra, Cile, Singapore, Porto Rico, Montenegro, Corea, Giappone, Madagascar.
Barbara Mangano, attrice-danzatrice che lavora tra l'Italia e la Francia, trova la sua inspirazione nelle tecniche d'improvvisazione e nella Danza Contact Improvisation. Diplomata in Teatro a Roma e in danza all'Università di Parigi, fonda la compagnia Genti Arrubia Teatro.

   

TITOLO: LE COSE LONTANE
A CURA DI
: Silvia Sanna
GENERE
: Mostra Fotografica
QUANDO
: Venerdì 28 giugno h 18:00 inaugurazione - Ossi, Parco delle Arti Molineddu

"Le cose lontane" è un progetto fotografico che ho sviluppato durante la mia partecipazione al programma internazionale di arte e scienza Overlap, sull'Isola dell'Asinara, che affronta il tema delle migrazioni. È un lavoro che stratifica tracce, passaggi, passato e presente e tutto quello che c'è di mezzo. L'Asinara è un'isola che ha accolto, nel corso della sua storia e per svariati motivi, persone di diverse provenienze: i Malaspina, gli Aragonesi, i genovesi, gli arabi e i prigionieri austro-ungarici sono solo alcuni dei passaggi sull'Isola. Questo mi ha fatto ragionare sul concetto di confine e di quello che può essere percepito come straniero. I confini tengono lontana la dignità umana rendendo spesso l'esistenza una condizione forzata spinta da allontanamento a volte violento; la ruvidità del pensare che dall'altra parte ci sia solo una sterile bruttezza chiude alla possibilità di conoscere vite e luoghi. Quindi la mia è un'interrogazione sul senso del confine, sul concetto dello straniero anche come aspirazione ad un dialogo sui confini del corpo, della pelle, delle tradizioni e della lingua; oltre ogni disarmonia intellettuale, oltre ogni limite fisico e mentale, oltre ogni confine di indifferenza. I confini come poetica romantica dell'abbandonarsi ad altro, del farsi trasportare da nuove esperienze, da visioni ed espressioni senza limiti come misure geografiche o personali.

BIO
Terminati gli studi Accademici Silvia Sanna inizia il suo percorso espositivo prima in Italia e poi all'estero. Nel 2012 ottiene una menzione d'onore al Premio Celeste, nel 2015 e 2016 vince il concorso nazionale artensile e nel 2018 viene selezionata, da una galleria di New York, tra i migliori venti giovani talenti nel mondo e nello stesso anno a Seoul vince il premio Runner Up assegnatole dal Bio–Convergence Research Center, Seoul National University, Seoulin Bio–Science che l'anno seguente le assegna una menzione d'onore. Nel 2022 viene premiata al Sapixel International Photo dalla Sapientia Hungarian Univeristy of Transylvania di Cluj – Napoca in Romania e le viene assegnato il Premio dell'Accademia di Fotografia Julia Margaret Cameron di Benevento al Premio Nazionale Gargiolli di Fivizzano. Le sue opere sono state esposte in numerose mostre in Italia, Usa, Corea del sud, Spagna, Francia, Grecia e Romania.

   

TITOLO: KOKORO’S GEOGRAPHY
AUTORE: Nunzia Tirelli (CH)
DANZA
: Nunzia Tirelli
POEMA: Franco Beltrametti
MUSICA: Giancarlo Locatelli
KIMONO: MOS EST Nina Schaffter, Franca Marta Tomaino, Riccardo Tuoto, Monica Almendra Villa Andia
ABITO: Dragon Tribe
VIDEO: Giona Beltrametti
GENERE: Danza

QUANDO: Venerdì 28 giugno h 20:00 - Ossi, Parco delle Arti Molineddu

"Un paesaggio nascosto e dimenticato giace là, la terra del silenzio, il regno dell'anima, al centro di questa terra si trova il tempio oscillante". Il corpo viaggia tra visibile e invisibile, incontra antichi miti Wu Tao Tzu, i Mudra dell'armonia e dell'Ira, la Tandava; il corpo crea danze, danze che sono preghiere.

BIO
Nunzia Tirelli. Analista del movimento CMA rilasciato da LIMS, New York, Coreologa pratica diploma “Choreological studies” Trinity Laban, Londra, Danzamovimento terapeuta, Art Therapy Italiana, Bologna. È stata danzatrice lavorando con diverse compagnie in Svizzera e all’estero, danzatrice-attrice Teatro delle Radici, Lugano (1990-2002) continuano le collaborazioni. Attenta agli aspetti del “movimento dal profondo” master “Ground Form” Movimento Autentico, Wabi Sabi mentoring, frequenta la scuola di Yoga Sciamanico e Integrale dell’ Imaginal Academy. Dal 2002 si dedica agli studi di Rudolf Laban e organizza eventi sul Monte Verità che riguardano le ricerche “labaniane” nella contemporaneità. Nel 2014 è stata insignita del premio Patrimonio della danza in Svizzera. Dal 2018 è membro della giuria federale di danza.

 

   

TITOLO: SIMONE WEIL_CONCERTO POETICO
TESTI ED ELABORAZIONE POETICA: Ilaria Drago
MUSICHE ORIGINALI E SONORIZZAZIONI
: Marco Guidi
CON: Ilaria Drago
GENERE: Teatro

QUANDO: Venerdì 28 giugno h 20:00 - Ossi, Parco delle Arti Molineddu

A poco più di cento anni dalla sua nascita, il corpo e la voce di Ilaria Drago e la musica di Marco Guidi mettono in scena il potente, ineguagliabile ritmo del cuore e del pensiero della donna che fu definita un miracolo dell'anima e della coscienza umana e uno degli ingegni più alti e puri di ogni tempo.
Attraverso la rilettura in forma contemporanea di una delle più grandi pensatrici, filosofe e poetesse del secolo scorso, la Compagnia Ilaria Drago presenta un progetto in forma di concerto-poetico utilizzando strumentazioni elettroniche dal vivo (live electronics), musica e rielaborazioni drammaturgiche, capaci di rendere la performance di lettura coinvolgente e fruibile. La forma che prende il concerto poetico è quella di una lunga lettera, l'ultima che si "ascolta ma non si legge" e che Simone scrive al suo unico amico e confidente, Padre Perrin, ripercorrendo le tappe principali della sua breve vita.

BIO
Premio Europa e Cultura per il Nuovo Umanesimo (poesia) 2019 tra le Eccellenze Italiane è un’artista indipendente, attrice e autrice di riferimento nazionale per il teatro di ricerca contemporaneo. Fondatrice della Compagnia Ilaria Drago e ha collaborato con alcuni fra i più grandi letterati, registi e musicisti contemporanei (fra gli altri Nanni Balestrini, Leo De Berardinis, Paolo Fresu, Roberto Latini, Marcello Sambati). Allieva di Perla Peragallo, si è formata in Danza Sensibile® col coreografo Claude Coldy, nella ricerca vocale con la cantante Rosanna Rossoni e con Kaya Andreson (Roy Hart School). Insegna teatro in tutta Italia ed è creatrice de La Via dell’Essere® un progetto di crescita personale basato sui valori dell’empatia, dell’inclusione, della condivisione. Vincitrice di diversi premi letterari e teatrali ha pubblicato con Nemapress, Avagliano, Editoria&Spettacolo, Castelevecchi.

 

   

TITOLO: DANZA IMMAGINALE
A CURA DI
: Nunzia Tirelli (CH)
GENERE: Laboratorio di Yoga sciamanico e Danza

QUANDO: Sabato 29 giugno h 15:00-18:00 - Ossi, Parco delle Arti Molineddu

Sostare nell'esperienza del gesto, con naturalezza, vivere nel respiro, meditare con il corpo, immergersi in paesaggi inesplorati con elementi di Yoga Sciamanico e Yoga Giapponese. Passeggiare nella consapevolezza che "lo spazio è una caratteristica nascosta del movimento e il movimento è un aspetto visibile dello spazio", visitando i principi dello Spazio Armonico di Rudolf Laban.

BIO
Nunzia Tirelli. Analista del movimento CMA rilasciato da LIMS, New York, Coreologa pratica diploma “Choreological studies” Trinity Laban, Londra, Danzamovimento terapeuta, Art Therapy Italiana, Bologna. È stata danzatrice lavorando con diverse compagnie in Svizzera e all’estero, danzatrice-attrice Teatro delle Radici, Lugano (1990-2002) continuano le collaborazioni. Attenta agli aspetti del “movimento dal profondo” master “Ground Form” Movimento Autentico, Wabi Sabi mentoring, frequenta la scuola di Yoga Sciamanico e Integrale dell’ Imaginal Academy. Dal 2002 si dedica agli studi di Rudolf Laban e organizza eventi sul Monte Verità che riguardano le ricerche “labaniane” nella contemporaneità. Nel 2014 è stata insignita del premio Patrimonio della danza in Svizzera. Dal 2018 è membro della giuria federale di danza.

   

TITOLO: VERSO UNE FLÈCHE_détour sull'archetipo della freccia
AUTORE
: Francesca Cinalli & Paolo De Santis - Il Corpo Rituale
PERFORMER
: Francesca Cinalli
PAESAGGIO SONORO: Paolo De Santis
PRODUZIONE: Tecnologia Filosofica
CON IL SOSTEGNO DI: Carovana S.M.I./GAL SGT; Centro di Residenza per la Danza Lavanderia a Vapore/Workspace RicercaX
GENERE
: Arte performativa, danza, musica elettronica
QUANDO
: Sabato 29 giugno h 20:00 - Ossi, Parco delle Arti Molineddu

Una danza rituale che trae spunto dalla ricerca sulla freccia e dalla sua forte carica simbolica. Un paesaggio sonoro di pensieri e parole sul rito del tiro con l'arco. Tra l'attimo che precede lo scoccare e il suo bersaglio si dilata il tempo. Una meditazione sul maschile e il femminile; la freccia di Eros...un presagio del diluvio e un dono divino.
“sono io che tendo l'arco o è l'arco che mi tende alla massima tensione?”
da Lo Zen e il tiro con l'arco di E. Herrigel

BIO
Diplomata presso I.A.T.Gong di Genova dove studia e incontra maestri e culture di oriente e occidente(Tapa Sudana, Tadashi Endo, Cecile Gordon, Al Sheik Neil Kesova). Autrice e coreografa di: Eco del Mondo (Bando Cura 2022); Sinfonia H2O(Residenze Coreografiche Lavanderia a Vapore 2019_Crossing the Sea 2019 / Shanghai International dance center;  Verso une Flèche(Premio Eceplast 2017); In Superficie (Premio Ermocolle'16); Niji (Ermocolle 2012) Canzoni del secondo piano(Les Hivernales, Avignone 2010). La sua formazione inizia con la danza classica al Teatro Nuovo di Torino. Incontra poi la danza contemporanea(G.Di Cicco, V.Sieni, D. Dudzinsky), la contact(Zip Orvieto, Sherwood Chen), il teatro-danza (G.Rossi, R.Giordano, D. Crema). Ateliers coreografici con Carolyn Carlson, butho con Tadashi Endo, danza sensibile con Clode Coldy.

 

   

TITOLO: LA COSTANZA DELL'EFFIMERO
A CURA DI
: Mangano-Massip e Genti Arrubia Teatro
CON
: Sara Mangano, Barbara Mangano e Pierre-Yves Massip
GENERE
: Danza itinerante
QUANDO
: Sabato 29 giugno h 20:00 - Ossi, Parco delle Arti Molineddu

Cosa hanno in comune l'arte e la botanica?
Una costante attenzione all'effimero. Dalla fioritura alla performance, è il momento presente, l'attimo di espressione completa del gesto che ci commuove per la sua fragilità nel tempo e la sua potenza nel qui e ora (l'hic e il nunc).
Ci lasceremo portare dall'idea di ecologia dell'attenzione. Alla ricerca del macroscopico che dà origine alla poesia e restituisce senso al nostro rapporto con il mondo non umano. Dobbiamo guardare da vicino ogni entità che compone il tessuto del mondo vivente, lasciarci emozionare da essa, per avicinarci alla comprensione di un inteligenza diversa dalla nostra.

BIO
Sara Mangano e Pierre-Yves Massip si sono incontrati alla scuola Marcel Marceau nel 1994 e da allora hanno scelto di esplorare insieme i vasti territori dell'immaginario. Un teatro poetico e popolare che prende radici nella grammatica del mimo, ma cerca anche, nell'incontro con le altre arti, dei nuovi continenti teatrali. Dopo aver lavorato con la Compagnia Marcel Marceau e avere tenuto il ruolo di direttori artistici della compagnia Acta Fabula durante 10 anni, Sara e Pierre-Yves creano nel 2010 la loro propria struttura: la Compagnia M.M. (prima chiamata Autour du Mime). Dal 2010 le loro produzioni fanno il giro del mondo: Cina, USA, Kossovo, Polonia, Iran, Italia, Svizzera, Spagna, Inghilterra, Cile, Singapore, Porto Rico, Montenegro, Corea, Giappone, Madagascar.
Barbara Mangano, attrice-danzatrice che lavora tra l'Italia e la Francia, trova la sua inspirazione nelle tecniche d'improvvisazione e nella Danza Contact Improvisation. Diplomata in Teatro a Roma e in danza all'Università di Parigi, fonda la compagnia Genti Arrubia Teatro.

 

 

 

TITOLO: THREESTY PUNX WAITING MOSSA HC
AUTORE
: Gigetto Carta, Luigi Palomba, Geppi Sanna
CON
: Gigetto Carta, Luigi Palomba, Geppi Sanna
GENERE
: Musica
QUANDO
: Sabato 29 giugno h 20:00 - Ossi, Parco delle Arti Molineddu

I Threesty Punx nascono ufficialmente alla fine di aprile ventiventiquattro, come si usa dire modern, alla vigilia di pasqua, quasi a voler interferire con la dottrina. Sono tre costole dei Rusty Punx: la costola urlante, la costola groovy e la costola pestapiùpianochenonsentolavoce. Le ultime due costole insieme creano la base ritmica, se di ritmica si tratta.
Da sempre affiliati alla musica con alti bassi e medi, decidono di dar vita al progetto tricostoluto per ovviare alla mancanza della chitarra, che se ci fosse, con ovvietà lapalissiana, li renderebbe i Rusty Punx.
All'attivo hanno un concerto e quattro bis, due giorni di riposo e forse ancora dolori articolari diffusi.
Alla batteria comanda un surfista, attivo nei mari cristallini del nord isolano. Al basso martella uno specifico monile della stirpe Ramones mentre alla voce, se vogliamo chiamarla voce, il compagno di banco delle superiori del sucitato surfista, addome prominente e tutto.
I Threesty Punx sono le tre costole che dolgono. Le vostre.

 

   

TITOLO: LA VOCE DEL SENTIERO spettacolo itinerante
AUTORE
: Teatro S'Arza
REGIA
: Romano Foddai
CON
: Paola Dessì, Stefano Petretto, Francesco Petretto
COLLABORAZIONE DRAMMATURGICA
: Renata Molinari
LIGTH DESIGNER E AUDIO
: Emilio Foddai
PRODUZIONE
: Teatro S'Arza
GENERE
: Teatro
QUANDO
: Domenica 30 giugno h 19:00 - Ossi, Parco Badde Othieri

Lo spettacolo nasce dallo sforzo narrativo di utilizzare la millenaria cultura popolare, sedimentata nei secoli, come ultimo strumento possibile per potersi orientare nel presente individuando la giusta direzione da percorrere nel tortuoso e accidentato cammino dell'esistenza moderna. Tre personaggi si trovano sperduti nei boschi dai quali cercano, disperatamente, vie d'uscita. La loro memoria è offuscata dal tempo e dalle vicissitudini della vita, forse anche da una fuga precipitosa che li ha permesso di salvarsi, ma che li ha trascinati nell'oscurità di un'intricata selva.

BIO
Teatro S'Arza si costituisce nel 1978, svolgendo un'attività teatrale connessa con la conoscenza dei linguaggi corporei e delle possibilità comunicative della voce.
Gestisce uno spazio all'interno del quale porta avanti un lavoro di ricerca teatrale e di laboratorio, organizzando, in oltre 40 anni di attività, rassegne, seminari, festival con artisti internazionali.

 

   

TITOLO: ELISABETH I SORRY FOR WHAT?
IDEAZIONE E REGIA
: Giulia Spattini
CREAZIONE E DANZA
: Giulia Spattini e Paolo Rosini
DISEGNO SONORO
: Guido Affini
LUCI
: Francesco Traverso
ASSISTENTE ALLA REGIA
: Francesco Gabrielli
COLLABORAZIONE PRODUTTIVA
: Balletto Civile, Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale
CON IL SOSTEGNO DI
: Drama Teatro, Fuori Luogo Festival Fisiko
IN COLLABORAZIONE CON
: DAMSLab | Dipartimento delle Arti – Università di Bologna nell'ambito di CARNE focus di drammaturgia fisica e di Teatro Arcobaleno
GENERE
: Teatro Danza
QUANDO
: Domenica 30 giugno h 19:00 - Ossi, Parco Badde Othieri

Un incontro di box in tre round per raccontare la regina Elisabetta I da un punto di vista inedito. Lo spettacolo non ricostruisce le vicende biografie di Elisabetta bensì a coglie il senso profondo delle sue azioni rivoluzionate, uno studio sulla sua interiorità, la forza di volontà, il senso di responsabilità e il rapporto con il potere.
Elisabetta appare allora come una vera e propria lottatrice, che occupa il palcoscenico/ring insieme al proprio allenatore. L'idea su cui è stato costruito lo spettacolo è basata proprio sul rapporto atleta-allenatore.
Il punto centrale della lotta di Elisabetta si è mosso sempre intorno alla sua identità come donna che nella casualità della successione si è trovata tra le mani un potere che mai nessun uomo le avrebbe legittimato, pagando un prezzo altissimo. Prendere una posizione, questo ha ispirato la mia ricerca, prendere una posizione e assumersi la responsabilità che ne deriva. Viviamo in un momento storico dove trovare un posto, diventare qualcuno, essere riconosciuti è al centro del disegno della nostra identità; allo stesso tempo la ricerca disperata di questa legittimazione rischia di schiacciare le nostre nature. L'allenamento è con noi stessi a mantenerci fedeli a quello che siamo, preparati e mai pronti a prenderci carico delle responsabilità, allenati a gestire anche quello che non possiamo scegliere. La lotta più feroce che mai condurremo sarà con noi stessi, con l'onestà che dobbiamo alla nostra natura che sempre si rivolterà se tenteremo di piegarla ad altro segno. Lottare per scegliere, per aderire al proprio sé, qualunque esso sia, purché vero. Una lotta del sé contro sé.

BIO
Nel 2009 incontra il lavoro della compagnia  Balletto Civile attraverso il danzatore Emanuele Braga.
Nel 2010 entra a far parte del progetto Corpo a Corpo presso la Fondazione Teatro Due di Parma, corso di formazione per la danza e il teatro della durata di sette mesi, diretto da Michela Lucenti e Balletto Civile, durante il quale incontra, inoltre, il lavoro di Antonio Latella, Massimiliano Farau e del drammaturgo Alessandro Berti.
Nel 2011 consegue la laurea all’università di Bologna, facoltà di Lettere e Filosofia Dipartimento del Dams  indirizzo Teatro, con una tesi sperimentale sulla compagnia Balletto Civile.
Nello stesso anno debutta al Teatro Due con lo spettacolo Il Sacro della Primavera (Spettacolo Vincitore del Premio Roma Danza 2011) regia di Michela Lucenti. A partire da quest’anno entrerà a far parte dell’organico stabile della compagnia.
Nel 2015 incontra il lavoro di Francesco Origo, per molti anni insegnante alla Scuola del Teatro Stabile di Genova, attore e collaboratore di Carlo Cecchi, inoltre direttore della compagnia Teatri di Mare. Va in scena nello spettacolo Blu e Squarciò, diretti da F. Origo in Sardegna e in Norvegia.
Nel 2016 lavora come danzatrice in un cortometraggio commerciale diretto dal regista premio Oscar Paolo Sorrentino.
Tutt’ora è parte integrante del collettivo di Balletto Civile.

 

   

TITOLO: KODAMA_minuta liturgia silvestre
CONCEPT
: Collettivo Micorrize
PERFORMER
: Marta Lucchini
ALLESTIMENTO
: Rosa Lanzaro
GENERE
: Danza
QUANDO
: Sabato 27 luglio h 19:00 - Monteleone Rocca Doria

KODAMA è una minuta liturgia di trasfigurazioni, un rito semplice, un canto alla natura e alla sua forza creatrice. Spirito che risiede nell'albero, KODAMA è alla ricerca della sua forma terrestre, piano si trasforma e si incarna, in un delicato equilibrio con l'ecosistema. KODAMA è creatura selvatica che si lascia guardare e che si offre come silenziosa testimone di una riconciliazione possibile tra il mondo umano e quello naturale.

BIO
Collettivo Micorrize è un progetto di ricerca nato dall'incontro tra Marta Lucchini, danzatrice e coreografa, e Rosa Lanzaro, architetto e scenografa. Collettivo Micorrize indaga il linguaggio delle arti performative contaminandolo con quello delle arti visive. La ricerca del collettivo ruota attorno al rapporto tra corpo e paesaggio, investigandone la reciprocità e permeabilità, considerando la loro relazione come fondante dell'opera. L'installazione indaga i caratteri del luogo sottolineandoli con interventi mimetici e mettendoli in relazione al corpo e al movimento. La danza si genera nell'intra-azione tra corpi, spazi, tempi e atmosfere che producono mondi dai quali si lascia a sua volta trasformare. Collettivo Micorrize si dedica alla ricerca sia in spazi teatrali sia in spazi aperti, naturali o urbani, sentendo l'urgenza di uscire dai luoghi convenzionali e compiere azioni che simbolicamente sondino la valenza politica del corpo, della relazione, dell'arte, per accendere o sovvertire punti di vista sul mondo che viviamo, per convocare i corpi in luoghi altri, dove sperimentare nuove modalità di condivisione e partecipazione. Accompagnano la ricerca Elisa Bosisio, attivista femminista e PhD Candidate in Filosofia presso l'Università di Roma tre, ed Elena Mistrello, illustratrice, fumettista e serigrafa. Il collettivo è fra gli artisti associati ALDES.

 

   

TITOLO: TRAME D'ARIA
CONCEPT
: Senza Confini Di Pelle
PERFORMER
: Dario La Stella, Valentina Solinas, Barbara Mangano
GENERE
: Danza
QUANDO
: Sabato 27 luglio h 19:00 - Monteleone Rocca Doria

Un intreccio che abbraccia il luogo e chi lo ha vissuto, la sua storia, la sua identità. I ricordi delle emozioni, del legame tra il paesaggio e le persone, della specifica cultura che nasce dal quotidiano e che rende unica una comunità. La performance itinerante mette in luce alcuni aspetti della comunità di Monteleone Rocca Doria attraverso i luoghi che la rendono un bene prezioso.

BIO
Senza Confini Di Pelle opera dal 2002 in ambito nazionale ed internazionale nel campo dello spettacolo dal vivo attraverso progetti cross-disciplinari di ricerca, produzione e formazione. Ha realizzato progetti e spettacoli in Francia, Belgio, Germania, Polonia, Spagna, USA, Cuba, Brasile. Dal 2011 produce progetti performativi in partenariato con diverse istituzioni nazionali e internazionali. Nel 2017 ha trasferito la sua sede da Torino a Sassari. Dal 2020 è sostenuta dalla Regione Autonoma della Sardegna. Il nucleo di Senza Confini Di Pelle è formato da Dario La Stella (Coreografo e Antropologo) e Valentina Solinas (Danzatrice e Psicologa).

 

   

TITOLO: PASSAGGI DI TEMPO
IDEAZIONE E REGIA
: Nina Zedda
PERFORMER
: Nina Zedda
GENERE
: Teatro
QUANDO
: Sabato 27 luglio h 19:00 - Monteleone Rocca Doria

Lo scorrere del tempo incide nelle nostre vite come l'acqua sulla pietra. Il tempo plasma i nostri corpi e compie rivoluzioni attraverso le nostre azioni. Nella stratificazione o nell'assenza delle forme possiamo leggere il movimento che ci ha portati al presente. La performance ci permette di assistere alla trasformazione di ciò che il tempo ha plasmato.

BIO
Ilaria Nina Zedda: ha una formazione teatrale certificata realizzata attraverso il Corso di Alta Formazione per Attori professionisti del Teatro Stabile delle Marche e il Corso di formazione per "Attori Professionisti e Registi" presso "Fondazione Pontedera Teatro". Diplomata nel 2006 in regia teatrale presso "Forma Azione Scena – Corso per attori e registi- Italia – Francia" (UE). Qui ha lavorato con le artiste del DICRèAM (Dispositif pour la Creation Artistique Multimedia et Numerique) scoprendo l'ambito del teatro e nuove tecnologie. Assistente alla regia di Virginio Liberti e Annalisa Bianco Egum Teatro, negli spettacoli "Napucalisse" e "Che Tragedia" del Teatro Stabile della Calabria. Nel 2000 fonda la Compagnia teatrale "L'aquilone di Viviana" realizzando: tournée di teatro "Ulisse in Senegal" premiato dal GAI, con Movin up; partecipazione a Mosca al "Nina's Project" del regista Jurij Alshitz. Regista e drammaturga degli spettacoli: "Ulisse eh eh" presentato al teatro "Sorano" di Dakar nel Festival Internazionale "Les enfant et les jeunes Brulentles Planches"."Schinepisci. Interior Design of Sardinia's poets": debutto internazionale al KesselhauseTheatre, Berlino."CD318. Gould è l'arte della fuga" spettacolo di teatro e nuove tecnologie selezionato per il Festival "SUBTLE TECHNLOGIES", Toronto. "Unghie&Crisi" spettacolo di teatro di genere e nuove tecnologie vincitore del 1°premio di drammaturgia al concorso "Donne al lavoro, donne e lavoro" della Provincia di Cagliari. L'ultima produzione realizzata nel 2021 "Fiori per" è stata recensita nel sito"Gli Stati Generali del Teatro". Per 9 anni ha diretto il Festival teatrale "Bisu de una noti de mesu estadi" in 7 Comuni del Gerrei, presentando spettacoli di Oscar de Summa e Andrea Cosentino e altri di teatro contemporaneo. Nel 2014 fonda Kyberteatro e inizia a dirigere lo Spazio OSC/DOMOSC, realizzando i progetti biennali: 1) Residenze artistiche digitali "Augmented Reality Theater Experience" con compagnie francesi e libanesi 2) DOMOSC – teatro, nuovi media, musica tradizionale. Dal 2014 collabora con il Festival Scienza Cagliari sezione: Teatro Scienza e Nuove Tecnologie.

 

   

TITOLO: IN HER SHADOW
CONCEPT
: Senza Confini Di Pelle
PERFORMER
: Nina Zedda, Dario La Stella, Valentina Solinas, Barbara Mangano, Sara Giordanelli, Ivonne Bello
GENERE
: Teatro Danza
QUANDO
: Sabato 27 luglio h 19:00 - Monteleone Rocca Doria

Le ombre riflettono lo spazio dell'invisibile, l'eco dei nostri passi, sono presenti quanto impalpabili. La prospettiva del nostro agire rivela nell'ombra qualcosa di nascosto, non siamo noi quell'ombra è una presenza altra, uno spazio in cui le forme assumono altri significati, non sono più le mi mani ma la testa di un cane e così danzando sembra che le ombre dei corpi siano la manifestazione di quell'invisibile di cui non conosciamo la natura ma abbiamo il sentore che sia l'altra parte del mondo.

BIO
Senza Confini Di Pelle opera dal 2002 in ambito nazionale ed internazionale nel campo dello spettacolo dal vivo attraverso progetti cross-disciplinari di ricerca, produzione e formazione. Ha realizzato progetti e spettacoli in Francia, Belgio, Germania, Polonia, Spagna, USA, Cuba, Brasile. Dal 2011 produce progetti performativi in partenariato con diverse istituzioni nazionali e internazionali. Nel 2017 ha trasferito la sua sede da Torino a Sassari. Dal 2020 è sostenuta dalla Regione Autonoma della Sardegna. Il nucleo di Senza Confini Di Pelle è formato da Dario La Stella (Coreografo e Antropologo) e Valentina Solinas (Danzatrice e Psicologa).

 

   

TITOLO: MATTEO SEDDA in concerto
CONCEPT
: Matteo Sedda
CON
: Matteo Sedda
GENERE
: Musica
QUANDO
: Sabato 27 luglio h 19:00 - Monteleone Rocca Doria

EUPHORIA nasce dalla ricerca timbrico-acustica coniugata all'uso dell'elettronica, il suono come conseguenza dell'aria in movimento. Suono in un moto costante e fluido, come il susseguirsi degli scenari acustici che conducono l'ascoltatore in questo viaggio fatto di suggestioni ed inquietudini, guidati da un Leitmotiv: il generarsi di melodie che come fili di vario colore, spessore e materiale, intrecciandosi costituiscono un ulteriore figura che va ad impreziosire le tessiture sonore che di volta in volta si avvicendano. Soundscapes caratterizzati ognuno da una connotazione identitaria differente. Dallo strumento e attraverso lo strumento, l'aria fluisce in questi ambienti passando dai Raga della musica indiana, al canto tradizionale Sardo, includendo elementi di Glitch music e di droni autogenerativi. Il progetto è stato presentato al Festival Spazio Musica di Cagliari ed. 2022, per l'ente Sardegna Ricerche presso la Ex. Manifattura di Cagliari e presso il giardino sonoro di Pinuccio Sciola.

BIO
Matteo Sedda. Trombettista, Compositore, Arrangiatore e Sound Designer compie gli studi in Tromba Jazz presso il conservatorio Venezze di Rovigo, vive per alcuni anni in Francia svolgendo l'attività di musicista. Come ricercatore pubblica nel 2022 il disco di musica frattale "New Math Order" lavoro che esplora le capacità generative delle figure geometriche frattali. Parallelamente in Italia porta avanti l'attività concertistica e discografica con il gruppo FREAK MOTEL pubblicando 2 album per la storica etichetta Bolognese IRMA Records e suonando in svariati festival tra i quali: Miniere Sonore (2019), Pedras et Sonos Festival (2019), Isole che parlano Festival (2021), Festival Spazio Muica, Seuinmusica, EJE European Jazz Expo, Sulky Jazz Festival, Venezze Jazz Festival, Sant'Anna Arresi Jazz (2021), Cala D'ambra Music Festival (2022), Dromos Festival (2022), Forme e poesie nel Jazz (2022), Musica sulle bocche (2023), Insulae Lab (2023).

   

TITOLO: AMERICAN TRIP
VOCE
: Denise Gueye
SAX ALTO/SOPRANO
: Luca Chessa
VIOLINO
: Francesca Fadda
CLARINETTO
: Cristiana Nuvoli
FAGOTTO
: Angelo Russo
TASTIERA
: Antonella Chironi
GENERE
: Musica
QUANDO
: Domenica 28 luglio h 19:00 - Monteleone Rocca Doria

Un quintetto composto da sax, violino, clarinetto, fagotto e pianoforte accompagnerà una splendida voce femminile nel mondo dei musical del '900, in un viaggio attraverso le più belle musiche dei compositori americani dell'epoca, G.Gershwin, L.Berstein, K.Weill. Il concerto della durata di 50 minuti prevede l'esecuzione di brani tratti da Porgy and Bess, West side story e L'opera da tre soldi.

   

TITOLO: STARE DI STELLE DI ISTANTI
CONCEPT
: Senza Confini Di Pelle
PERFORMER
: Nina Zedda, Dario La Stella, Valentina Solinas, Sara Giordanelli, Ivonne Bello
MUSICA
: Alice Doro
GENERE
: Teatro Danza
QUANDO
: Domenica 28 luglio h 19:00 - Monteleone Rocca Doria

Stare Di Stelle Di Istanti è una performance in forma di happening in cui un gruppo di performer interagisce con lo spazio seguendo alcune regole. I corpi entrano in relazione come una costellazione dove gli elementi statici e quelli mobili del sistema (l'ambiente in cui viene realizzata la performance) sono chiamati ad interagire secondo un modello di interdipendenza, ogni azione del singolo muove e viene mosso dagli altri elementi. Si innescano così processi di stasi e movimento dettati da ritmi che arrivano sia dall'esterno che dall'interno di ogni performer, rivelando un presente che è mutazione continua, inaspettata. Si creano nell'accadimento improvviso istanti che illuminano la relazione che intercorre tra gli elementi del sistema: come stelle producono e riflettono luce. La centralità del fattore eventuale è l'innesco di tutta la performance. Accade e si dissolve tutto in quello spazio/tempo irripetibile. Essere presenti o assenti è una discriminate di sostanza, una scelta consapevole del proprio agire, modifica ciò che accadrà.

BIO
Senza Confini Di Pelle opera dal 2002 in ambito nazionale ed internazionale nel campo dello spettacolo dal vivo attraverso progetti cross-disciplinari di ricerca, produzione e formazione. Ha realizzato progetti e spettacoli in Francia, Belgio, Germania, Polonia, Spagna, USA, Cuba, Brasile. Dal 2011 produce progetti performativi in partenariato con diverse istituzioni nazionali e internazionali. Nel 2017 ha trasferito la sua sede da Torino a Sassari. Dal 2020 è sostenuta dalla Regione Autonoma della Sardegna. Il nucleo di Senza Confini Di Pelle è formato da Dario La Stella (Coreografo e Antropologo) e Valentina Solinas (Danzatrice e Psicologa).

 

   

2023

INTRODUZIONE

CONDIVISIONE
Quest’anno per la seconda edizione del Festival abbiamo avuto il desiderio di condividere.
Sarà questo il sotto tema portante di tutto il programma.
Condividere pensieri, azioni, emozioni.
Tutti gli eventi sono realizzati sotto questa prospettiva: condivisione con il pubblico, tra gli artisti, con la natura. Ogni evento è pensato per adattarsi allo splendido Parco delle Arti di Molineddu e alle Domus de Janas Mesu ‘e Montes di Ossi.
Quest’anno abbiamo pensato anche a pratiche laboratoriali: il laboratorio di Danza Butoh condotto da Maruska Ronchi, il laboratorio di Body Percussion condotto da Maurizio Giordo, lo Sharing Training Sardegna rivolto a professionisti sardi ed infine il Dance All djset collettivo per rilassarsi a fine serata in danze di gruppo.

Apre il Festival giovedì 7 settembre proprio l’incontro dello Sharing Training Sardegna con un momento di laboratorio per poi aprirsi al pubblico in una performance introdotta da Gigi Bandinu che suonerà campane tibetane e gong per purificare armonicamente il Festival. A seguire lo spettacolo itinerante di Teatro S’Arza che adatterà la sua nuova produzione agli spazi di Molineddu. Chiude la prima giornata il concerto di Vanessa Bissiri che, con Carlo Doneddu, eseguirà alcuni brani del suo ultimo disco.

Nella seconda giornata di Festival venerdì 8 settembre sarà Maruska Ronchi con il suo laboratorio di Danza Butoh ad aprire le danze, un lavoro intensivo che si concluderà sabato 9. Apertura al pubblico con la performance di danza site-specific di Valeria Angela Russo del collettivo Prendashanseaux, un lavoro tra danza e arti visive. A seguire lo spettacolo concerto con Marina Pittau, Maurizio Giordo e Valentina Solinas, evento creato da Senza Confini Di Pelle per il Festival, un viaggio oltre gli immaginari confini. Conclude la serata il Dance All post serata danzante.

Sabato 9 settembre, oltre al secondo incontro del workshop di Danza Butoh, ci sarà il laboratorio di Body Percussion guidato da Maurizio Giordo. Apre il Festival la performance di solo batteria di Antonio Baldinu che ci condurrà in atmosfere oniriche. Si prosegue poi con la performance di danza e arti performative di Dario La Stella, Claudio Maniga e Danilo Sini che vedrà la partecipazione di Bruno Petretto, Carlo Bitti, Maurizio Casu e Mauro Cossiga, una performance site-specific creata in esclusiva per il Festival, una introspezione domestica della nostra contemporaneità. Chiude il Dance All con il djset collettivo di pubblico ed artisti.

Domenica 10 settembre il Festival si trasferisce alle Domus de Janas di Mesu ‘e Montes per concludere i suoi eventi. Si inizia con la visita guidata alla Domus condotta dall’archeologa Giuseppina Palmas. A seguire la performance site-specific di Danza Butoh con Maruska Ronchi, Claudia Adragna, Sara Giordanelli accompagnate dal Bagno Sonoro di campane tibetane e gong di Gigi Bandinu.
Chiude il Festival il Coro di Ossi con la corale Boghes Noas per armonizzarci con il meraviglioso territorio panoramico di Ossi.

Con l’augurio che la condivisione sia sempre un’espansione delle possibilità del reale.

I curatori Dario La Stella e Valentina Solinas

 

VIDEO EDIZIONE 2023

 

 

PROGRAMMA 2023


GIOVEDÌ 07 SETTEMBRE - Parco delle Arti di Molineddu
Apertura Festival h. 16:00 - 18:30
- SHARING TRAINING / Laboratorio
Apertura zona ristoro e biglietteria h. 19:00
Inizio spettacoli h. 19:30
- SHARING TRAINING / Presentazione performativa a cura del gruppo di lavoro
- LA VOCE DEL SENTIERO di Teatro S'Arza
- EMPATICA di Vanessa Bissiri

VENERDÌ 08 SETTEMBRE - Parco delle Arti di Molineddu
Apertura Festival h. 10:00 - 17:00
- LO SPIRITO DEL FIORE / Laboratorio di Danza Butoh in natura a cura di Maruska Ronchi
Apertura zona ristoro e biglietteria h. 19:00
Inizio spettacoli h. 19:30
- GAIA/MATER di Collettivo Prendashanseaux
- ICEMURA CONCERTO di Senza Confini Di Pelle
- DANCE ALL djset collettivo

SABATO 09 SETTEMBRE - Parco delle Arti di Molineddu
Apertura Festival h. 10:00 - 19:00
- LO SPIRITO DEL FIORE / Laboratorio di Danza Butoh in natura a cura di Maruska Ronchi
- RIPRENDIAMO IL RITMO / Laboratorio di Body Percussion a cura di Maurizio Giordo
Apertura zona ristoro e biglietteria h. 19:00
Inizio spettacoli h. 19:30
- BEYOND BORDERS. SOLO PERFORMANCE ON DRUMS AND OTHER STUFF di Antonio Baldinu
- CARNESANGUE di Claudio Maniga, Danilo Sini, Dario La Stella
- DANCE ALL djset collettivo

DOMENICA 10 SETTEMBRE - Ossi, Domus de Janas Mesu 'e Montes
Apertura Festival h. 16:30
- VISITA ARCHEOLOGICA GUIDATA a cura di Giuseppina Palmas
- DOMUS di Maruska Ronchi, Claudia Adragna, Sara Giordanelli, Gigi Bandinu
- CORO DI OSSI di Boghes Noas

LUOGHI
07 - 09 SETTEMBRE - PARCO DELLE ARTI DI MOLINEDDU - OSSI (SS)
10 SETTEMBRE - DOMUS DE JANAS MESU 'E MONTES - OSSI (SS)

BIGLIETTI
SOLO CONTANTI - NO CARTE
INTERO: 10 EURO (singola serata)
RIDOTTO: 5 EURO dai 7 ai 14 anni
RESIDENTI COMUNE DI OSSI: 1 EURO
OMAGGIO: sotto i 7 anni
ABBONAMENTO: 25 EURO (tutto il festival)
Laboratorio "SHARING TRAINING": rivolto a professionisti, libero su prenotazione
Laboratorio "LO SPIRITO DEL FIORE": 130 EURO / EARLY BIRD entro 13 agosto 100 EURO
Laboratorio "RIPRENDIAMO IL RITMO": ad offerta libera

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
senzaconfinidipelle@gmail.com
3470561735 / 3384040237

STAFF
DIREZIONE ARTISTICA: Dario La Stella, Valentina Solinas
AMMINISTRAZIONE: Valentina Solinas
ORGANIZZAZIONE: Dario La Stella
DIREZIONE TECNICA: Mario Carta
UFFICIO STAMPA: Grazia Brundu
PROMOZIONE: Shardan Art Web
CREW: Francesca Panu, Claudia Adragna, Giovanni Becciu, Maurizio Giordo, Marianna Bussu

CON IL SOSTEGNO DI:


 

SCHEDE SPETTACOLI 2023

TITOLO: SHARING TRAINING
AUTORE: Gruppo di Lavoro
PERFORMER: Gruppo di Lavoro e Gigi Bandinu
GENERE: Arte performativa, Musica
QUANDO: Giovedì 7 h 16 - 18:30 Laboratorio / h 19:30 Performance

Sharing Training è una pratica performativa nata in Nord Europa con lo scopo di condividere esperienze legate al mondo dell'arte performativa in particolare nell'ambito della danza contemporanea.

In Italia sono attivi 10 collettivi: SìR (Sharing in Roma), Sharing Training Umbria, Sharing Training Bassano, Shared training Torino, Share & Train Bologna, Attivisti della Danza Firenze, GRAP Marche sharing training, Sharing Training Milano , Shared Training Catania, Sharing TN.

La pratica consiste nel condividere il lavoro dei singoli artisti in modo da conoscere il lavoro dei propri colleghi, avere la possibilità di esplorare nuove pratiche, allenarsi, sviluppare nuove sinergie e progettualità.

In questa edizione del Festival Aria si apre la possibilità della nascita di un collettivo Sharing Training Sardegna che possa far dialogare tra loro le professionalità locali e attivare collaborazioni nazionali ed internazionali.

https://www.dancefordance.net/sharing-trainings-italia/

 

   

TITOLO: BAGNO SONORO
A CURA DI: Gigi Bandinu
GENERE: Musica
QUANDO: Giovedì 7 h 19:30 e Domenica 10 h 16:30

Bagno Sonoro Armonico con campane di quarzo e tibetane, gong e altri strumenti armonici.

Gli effetti delle campane sono:
Riequilibrano e creano armonia tra gli organi.
Stimolano l'autoguarigione delle cellule.
Attenuano lo stress.
Lavorano anche su traumi trattenuti dai nostri ricordi e su traumi fisici alle ossa e ai muscoli.

In apertura del Festival Gigi purificherà lo spazio e darà inizio alle danze condividendo lo spazio della performance di Sharing Training e sarà sempre lui a chiudere il Festival sonorizzando la performance di danza butoh Domus.

 

   

TITOLO: TZIA BIRORA
AUTORE
: Teatro S'Arza
REGIA
: Romano Foddai
CON
: Paola Dessì
FONICA
: Stefano Petretto
LIGTH DESIGNER E AUDIO
: Emilio Foddai
PRODUZIONE
: Teatro S'Arza
GENERE
: Teatro
QUANDO
: Giovedì 7 h 19:30

Lo spettacolo è un lavoro sulla memoria: memoria personale, memoria storica e memoria etnica. Il suo linguaggio è puramente gestuale e poggia su musiche che scorrono e lo accompagnano. Volutamente non sono usate parole: la voce è usata esclusivamente nei canti tradizionali o in suoni inventati. Gli oggetti di scena sono antichi, propri di un tempo andato, così come i costumi che appartengono alla tradizione popolare sarda.
La rielaborazione narrativa e la drammaturgia emergono da un’idea registica che è diventata filo del racconto sul tema dell'identità di un popolo.

Il personaggio di Tzia Birora è stato estratto dall'omonimo racconto popolare sardo di Grazia Deledda.

BIO
Teatro S'Arza si costituisce nel 1978, svolgendo un'attività teatrale connessa con la conoscenza dei linguaggi corporei e delle possibilità comunicative della voce.
Gestisce uno spazio all'interno del quale porta avanti un lavoro di ricerca teatrale e di laboratorio, organizzando, in oltre 40 anni di attività, rassegne, seminari, festival con artisti internazionali.

 

   

TITOLO: EMPATICA
AUTORE
: Vanessa Bissiri
VOCE E ARRANGIAMENTI
: Vanessa Bissiri
CHITARRA
: Carlo Doneddu
PRODUZIONE
: Vanessa Bissiri e Coco Sauvetre in Collaborazione con S'ALA Spazio per Artist*
REGISTRAZIONE E MISSAGGIO
: Coco Sauvetre presso lo studio El Patio. Luglio 2022, Barcellona
TESTI E MUSICA
: Vanessa Bissiri
DIREZIONE ARTISTICA VISIVA
: Vanessa Bissiri ed Eva Piredda
FOTOGRAFIA
: Eva Piredda
GRAFICA E ARTE
: Simona Galbiati
SCELTA ABITI
: Vanessa Bissiri ed Eva Piredda
GENERE
: Musica
QUANDO
: Giovedì 7 h 19:30

EMPATICA racconta del ricordo che rimane nella nostra memoria come sensazione.
EMPATICA è pelle, è visione, è riconoscere a occhi chiusi.
EMPATICA è quasi un manifesto, una dichiarazione, un monito, perché la sensorialità sia la guida, per restituire uno spazio al pensare del corpo, per guardare con la pelle. Queste 8 canzoni originali e intatte arrivano con una grande voglia di condividere un universo fatto di sensi. Le parole e un'immagine per ogni brano, trasportano il suono, e i dettagli che abitano l'universo canzone si definiscono nel momento in cui li osservi da vicino. Si fondono atmosfere elettroniche con ritmi e suoni del mondo, che ci restituiscono un pugno di canzoni nostalgiche, visionarie, ridenti.

BIO
Vanessa trascorre diversi anni in Italia lavorando con diverse compagnie tra le quali il teatro Valdoca, Kataklisma teatro e Onda d'urto, andando in scena in diversi spazi tra i quali l'Arena del Sole di Bologna, Il Teatro Out – Off di Milano, il Teatro del Parco di Parma. Vive in diverse città d'Europa e sceglie Barcellona dove trascorre 15 anni.

 

   

TITOLO: LO SPIRITO DEL FIORE
A CURA DI
: Maruska Ronchi
GENERE
: Laboratorio di Danza Butoh in Natura
QUANDO
: Venerdì 8 e Sabato 9 h 10-17

In questo laboratorio i partecipanti verranno guidati ad esplorare alcuni elementi base della danza butoh, come il corpo vuoto che si muove da un luogo di non intenzione, per trovare qualcosa che è vero per sé, per trovare il proprio sé autentico che è più grande di quanto pensiamo che sia. Creare spazio nel corpo per essere mosso, avere un corpo rilassato, mente chiara, corpo sensibile e ricettivo. Questo è il punto di partenza da cui possiamo trovare la nostra danza. Lavoro sulla "presenza". Trovare il movimento che viene dall'interno, rivelando se stessə attraverso la propria danza. Trovare la propria autenticità, il proprio fiore. Lavoro sulle "energie" che provengono da immagini interne o da stimoli dell'ambiente. Danzare "lo spazio": la danza nasce anche dall'energia dello spazio. Abbracciare le proprie "imperfezioni" e trasformarle in punti di forza della nostra danza. Ogni fiore è unico e bello.
Il laboratorio si svolgerà nel meraviglioso contesto del Parco delle Arti di Molineddu a Ossi (SS). Il parco creato dall'artista Bruno Petretto, grazie alla collaborazione con altri artisti chiamati ad esprimersi negli anni, è un vero e proprio museo a cielo aperto. Sculture in pietra realizzate sui massi franati dalla roccia si alternano insieme a sculture in ceramica e in metallo, dipinti, fotografie. Tra piante da frutto e una folta vegetazione questo parco custodisce opere d'arte contemporanea immerse nel verde, in un particolarissimo connubio tra arte e natura.

BIO
Maruska Ronchi è danzatrice, coreografa e performer. Diplomata in Danza Contemporanea al CIMD di Milano diretto da Franca Ferrari. Incontra il butoh nel 2009 grazie all'incontro con il maestro Atsushi Takenouchi che seguirà per 13 anni, diventando la sua assistente nella Scuola di JINEN Butoh in Italia. Studia e approfondisce il butoh con altri importanti maestri come Yoshito Ohno, Masaki Iwana, Yumiko Yoshioka, Minako Seki, Carlotta Ikeda, Sankai Yuku. E' stata invitata a presentare le sue performance e laboratori in Francia, Germania, Polonia, Italia, Belgio, Danimarca, Svizzera, Spagna, Islanda, Canada, Giappone, Taiwan, Mauritius.

 

   

TITOLO: GAIA / MATER
AUTORE
: Collettivo Prendashanseaux
COREOGRAFIA E INTERPRETAZIONE
: Angela Valeria Russo
FOTO
: Lucia Baldini
VIDEO-INSTALLAZIONE
: Fabio Sau
PAESAGGIO SONORO
: Antonio Bissiri
PRODUZIONE
: ASMED Balletto di Sardegna in coproduzione con Prendashanseaux
GENERE
: Danza e Arti Visive
QUANDO
: Venerdì 8 h 19:30

MATER affronta il tema della rinascita, attraverso l'archetipo delle forze elementari, aria, acqua, terra e fuoco, manifestazione fisica della "personalità" di Gaia, come elemento fecondo che apre, nuovi ascolti e nuove connessioni. Il corpo in questo quadro dialoga con le immagini in proiezione e le foto installate sullo spazio scenico.

MATER fa parte del progetto multidisciplinare GAIA -la nuova umanità- a cura del Collettivo PRENDASHANSEAUX di Antonio Bissiri, Fabio Sau, A. Valeria Russo e Lucia Baldini

BIO
L'associazione culturale Prendashanseaux dal 2015 agisce nell'ambito delle arti visive e performative, con particolare attenzione allo sviluppo dell'essere umano in connessione profonda con la natura e i suoi elementi. L'Associazione è apartitica, apolitica e si ispira ai principi di libertà della persona, della pace e della non-violenza e del rispetto dell'ambiente. Prendashanseaux promuove ed organizza manifestazioni, convegni, dibattiti, mostre, seminari, attività e ricerche di ogni tipo per il raggiungimento e la diffusione dei propri obbiettivi culturali ed artistici.

 

   

TITOLO: ICEMURA CONCERTO
AUTORE
: Dario La Stella, Marina Pittau, Valentina Solinas
CON
: Maurizio Giordo, Marina Pittau, Valentina Solinas
MUSICHE: Marina Pittau

PRODUZIONE: Senza Confini Di Pelle
COLLABORAZIONE: Gurdulù Teatro
GENERE
: Reading, danza, canzone d'autore e musica dal vivo
QUANDO
: Venerdì 8 h 19:30

ICEMURA CONCERTO nasce dall'incontro tra la musicista Marina Pittau e Senza Confini Di Pelle.
Lo spettacolo concerto è il frutto della collaborazione con l'attore Maurizio Giordo che insieme a Valentina Solinas interpretano alcuni testi della pubblicazione Icemura sul progetto Overlap.
Intervallato da momenti di danza lo spettacolo si sviluppa in una cornice di viaggi e migrazioni in cui uomini e animali si confondono con il paesaggio interrogando il pubblico sul valore della biodiversità. Le musiche e le canzoni di Marina incrociano le narrazioni e le danze creando una sinfonia di suoni, parole e movimenti. Un viaggio nel viaggio trasporta il pubblico a valicare lingue, paesi e confini. I progetti Icemura ed Overlap sono realizzati con il contributo della Fondazione di Sardegna.

BIO
Marina Pittau è cantante, chitarrista, compositrice e pedagoga nata a Cagliari. Dopo aver vissuto per molti anni all'estero, è ritornata in Sardegna a Bosa. Nel 1981 arriva a Parigi, dove inizia lo studio del canto e della chitarra, allo stesso tempo sviluppa la sua passione per i canti tradizionali della sua terra. Nel 1986 si trasferisce a Ginevra e s'iscrive al 'Conservatoire Populaire de Musique', conseguendo il diploma di canto classico nel 1995. Durante questi anni è spesso invitata a partecipare alla radio, televisione, manifestazioni musicali e festival in Francia, Svizzera, Italia, Spagna, Belgio, Austria, Germania, Marocco ecc.

Valentina Solinas è danzatrice, regista e performer. Dal 1998 al 2001 studia danza e teatro presso la scuola del Teatro Nuovo di Torino. Nel 2004 si diploma presso la Scuola Professionale delle Arti Teatrali Teatranzartedrama di Torino. Studia inoltre con Adriana Innocenti, Raffaella Giordano, Roberto Castello, Giorgio Rossi, Emma Dante, Cristina Castrillo, Paola Chiama. Dal 2004 è parte di Senza Confini Di Pelle. Tra il 2006 e il 2007 scrive e dirige la sit-com "Banchi". Nel 2010 è l'interprete di "Instead of allowing something to rise up to your face dancing bruce and dan and other things" di Tino Sehgal.

Maurizio Giordo è attore professionista in oltre cinquanta produzioni teatrali, dal 2000 studia e pratica teatro classico e contemporaneo, opera lirica, mimo, maschera, clown, canto, percussioni, body percussion e canto a tenore e concordu. Fondatore nel 2014 di Gurdulù Teatro, ha vinto il Premio miglior spettacolo Giuria popolare e Giuria tecnica, Castelbuono Teatro Festival 2014 (PA) e il Premio miglior spettacolo Trani Teatro Clown Internazionale 2021Trani (BA).
Dal 2017 al 2022 è attore in Macbettu (Premio Ubu 2017 Spettacolo dell'anno) per la regia di Alessandro Serra (produzione Teatro di Sardegna in collaborazione con Compagnia Teatropersona).

 

   

TITOLO: DANCE ALL
A CURA DI: Djset collettivo
GENERE: Clubbing
QUANDO: Venerdì 8 e Sabato 9 h 19:30

DANCE ALL è una pratica di djset collettivo.

Chi vuole partecipare deve portare un brano musicale e una semplice coreografia da insegnare mentre la traccia musicale sta suonando.

Chiunque è invitato a partecipare senza esclusioni.

Tutti sono liberi di ballare seguendo le indicazioni del dj oppure di non seguirlo.

 

   

TITOLO: RIPRENDIAMO IL RITMO
A CURA DI
: Maurizio Giordo
GENERE
: Laboratorio di Body Percussion
QUANDO
: Sabato 9 h 17-19

Riprendiamo il Ritmo è un laboratorio sul ritmo aperto a tutti condotto da Maurizio Giordo.
Finito il primo lockdown del 2020, è nata dall'esigenza, l'urgenza direi, di riappropriarsi del "semplice" stare insieme e condividere la fiducia dello stare e fare insieme. Il linguaggio della musica e in particolar modo del ritmo mi sono sembrati i più efficaci per guidare e far suonare un cerchio di suonatori corporei, attraverso il corpo appunto, il battito, il suono e la voce.
Si tratta di metterci in cerchio (a debita distanza e con la mascherina) e imparare dei ritmi da suonare con mani, dita, piedi, alla scoperta dei suoni che può produrre il corpo umano. Battere, sfregare, schioccare, fischiare. Il corpo è inoltre coinvolto nella coordinazione psicomotoria.
È prevista inoltre la trasmissione orale di canti ritmici onomatopeici, canti senegalesi, tunisini, sardi e gli stessi partecipanti possono condividere e trasmettere ai loro compagni canti, filastrocche, etc., nelle loro varianti linguistiche-dialettali, che possono alimentare e integrare il repertorio di uno o più incontri. Il laboratorio è aperto a persone di tutte le età.

BIO
Attore professionista in oltre cinquanta produzioni teatrali, dal 2000 Maurizio Giordo si è formato come attore e regista, ha studiato e praticato teatro classico e contemporaneo, opera lirica, mimo, maschera, clown, canto, percussioni, body percussion e canto a tenore e concordu.
Fondatore nel 2014 di Gurdulù Teatro, ha curato le regie e interpretato diversi spettacoli di teatro, teatro di strada e circo-teatro, fra cui Com'é nato il Giullare?che ha vinto il Premio miglior spettacolo Giuria popolare e Giuria tecnica, Castelbuono Teatro Festival 2014 (PA) e il Premio miglior spettacolo Trani Teatro Clown Internazionale 2021Trani (BA).
Dal 2017 al 2022 impegnato come attore in Macbettu (Premio Ubu 2017 Spettacolo dell'anno e Premio A.N.C.T (Associazione Nazionale Critici Teatrali), per la regia di Alessandro Serra (produzione Teatro di Sardegna in collaborazione con Compagnia Teatropersona), ha recitato nei festival più importanti di tre continenti e ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti nazionali e internazionali.

 

   

TITOLO: BEYOND BORDERS. SOLO PERFORMANCE ON DRUMS AND OTHER STUFF
AUTORE
: Antonio Baldinu
CON
: Antonio Baldinu
PRODUZIONE: Senza Confini Di Pelle
GENERE: Musica

QUANDO: Sabato 9 h 19:30

Beyond Borders significa andare in un universo poco battuto, è la scoperta dell'ignoto, è tuffarsi in ciò che gli altri rifiutano, accettando il rischio, per ricercare il non convenzionale con dedizione e rispetto verso il suono e la sua capacità di essere un ecosistema di senso totale.
In questo processo, l'improvvisazione è anche un modo specifico per affrontare la realtà, entrare in simbiosi con essa ed esserne partecipi. Per dirla con le parole di Vinko Globokar "l'improvvisazione è una forza vitale che sfugge alla scrittura, nel senso lato del termine. È il sistema degli anticorpi di una razionalità prestabilita."
Così, in un interplay tra sé e sé, Antonio Baldinu scandaglia i molteplici significati di Overlap, offrendoci un continuum di sovrapposizioni ritmiche e stratificazioni di paesaggi sonori. La performance nasce come suggestione del progetto Overlap realizzato con il contributo della Fondazione di Sardegna.

BIO
Cresciuto musicalmente nell'ambiente della scuola di musica Birdland di Sassari. Ha suonato con quasi tutti i musicisti dell'area jazz locale e non solo. Ha suonato con musicisti di diverse estrazioni musicali. Tra i quali: Achille Succi, Silvia Bolognesi, Danilo Gallo, Piero Bittolo Bon, Pasquale Mirra, Lisa Mezzacappa, Emanuele Parrini, Marco Colonna, Sabir Mateen, Enrico Merlin, Enzo Favata, Marcello Peghin, Gavino Murgia. Dotato di buona tecnica strumentale, è naturalmente portato a sperimentare percorsi non sempre convenzionali, ma assolutamente fedele al drums set tradizionale. Batterista ricercatore ed organico, dà vita ad una propria ricerca stilistica fatta di drumming dinamico ed improvvisazione di notevole impatto. Personalità, ricerca del suono, dinamicità. Questi i punti di forza del batterista sassarese.

 

   

TITOLO: CARNESANGUE
AUTORE
: Dario La Stella, Claudio Maniga, Danilo Sini
CON
: Dario La Stella, Claudio Maniga, Bruno Petretto, Carlo Bitti, Maurizio Casu, Mauro Cossiga
PRODUZIONE: Senza Confini Di Pelle
GENERE
: Arte performativa, danza, musica elettronica
QUANDO
: Sabato 9 h 19:30

CARNESAGUE è una performance di danza e arti performative nata dall'incontro di Dario La Stella, Claudio Maniga e Danilo Sini.
La drammaturgia è incentrata sulle convezioni sociali che reggono il nostro sistema morale in particolare su alcuni tabù. La scena è dominata da una situazione conviviale in cui il pubblico è invitato a farne parte. Un ambiente surreale ed onirico pervade le azioni dei performer che diventano metafora e segno altro. Utopia, eterotopia e distopia portano lo spettatore a naufragare nella nostra contemporaneità.

BIO
Dario La Stella è danzatore, coreografo, autore, regista e performer. Studia danza e teatro e lavora tra gli altri con Raffaella Giordano, Judith Malina (Living Theatre), Roberto Castello, La Fura dels Baus, Michela Lucenti. Dal 1997 conduce una ricerca personale sulla performatività del corpo, sviluppando la sua idea di azione performativa. Premio come miglior attore ai Film Festival di Valencia e Chianciano Terme con il cortometraggio La Bumba (2006). Nel 2002 ha fondato il progetto di ricerca sul linguaggio delle arti performative Senza Confini Di Pelle dove lavora come autore, regista, coreografo e danzatore. Nel 2013 con "Add Up Space and Power" è uno dei 3 coreografi selezionati dal progetto di cooperazione "Metamorphoses" con il sostegno del programma culturale dell'Unione Europea.

Claudio Maniga inizia il suo percorso musicale nel 1995, da autodidatta, imparando i primi rudimenti della batteria e della chitarra, che diventerà lo strumento principale. Dal 2020 inizia un percorso di ricerca sonora, con particolare interesse nei confronti di certa musica elettronica, specialmente quella tedesca degli anni settanta, utilizzando sintetizzatori analogici.

 

   

TITOLO: VISITA ARCHEOLOGICA
A CURA DI
: Giuseppina Palmas
GENERE
: Visita Archeologica Guidata
QUANDO
: Domenica 10 h 16:30

Visita guidata alle Domus de Janas Mesu 'e Montes di Ossi (SS) con l'archeologa Giuseppina Palmas.

Le Domus si dispongono ai lati di un sentiero e al loro interno appaiono simboli di culto e funerari assieme a elementi architettonici delle capanne neolitiche, così da donare una dimora eterna ai defunti. La necropoli di Mesu 'e Montes sorge a circa sette chilometri dal centro abitato di Ossi, scavata su un costone calcareo alle pendici meridionali del monte Mamas. Si compone di 18 domus de Janas, tutte pluricellulari, separate in due ali da un sentiero. Si suppone che siano state scavate e usate a partire dal III millennio a.C., dal Neolitico finale fino all'età del Bronzo. Due di esse, le tombe III e XVI, mostrano una trasformazione verso il profilo delle tombe di Giganti, con stele centinata scolpita nella roccia all'ingresso, esattamente come nelle successive sepolture di età nuragica. Sono sorprendenti soprattutto le tombe I, II, V e XIII, quelle con le decorazioni più elaborate.

BIO
Giuseppina Palmas ha conseguito la laurea magistrale in Archeologia presso l'Università degli studi di Sassari nel 2017. Si è specializzata in Beni Archeologici Nesiotica nel 2020. E' guida turistica dal 2015.

 

 

 

TITOLO: DOMUS
AUTORE
: Maruska Ronchi, Sara Giordanelli, Claudia Adragna
CON
: Maruska Ronchi, Sara Giordanelli, Claudia Adragna
MUSICA: Gigi Bandinu (campane tibetane e altri strumenti armonici)
PRODUZIONE: Senza Confini Di Pelle
GENERE
: Danza Butoh in Natura
QUANDO
: Domenica 10 h 16:30

Domus è una performance site-specific di Danza Butoh. Nasce dall'incontro tra Maruska Ronchi, Claudia Adragna e Sara Giordanelli. L'esplorazione delle Domus de Janas di Mesu 'e Montes, la relazione tra i corpi delle danzatrici e il suggestivo paesaggio sono gli elementi che creano il tessuto drammaturgico delle coreografie. Ad accompagnare le danzatrici nelle loro azioni c'è la musica delle campane tibetane e dei gong suonati da Gigi Bandinu che diventa in questo modo l'elemento che armonizza il tutto.

BIO
Maruska Ronchi è danzatrice, coreografa e performer. Diplomata in Danza Contemporanea al CIMD di Milano diretto da Franca Ferrari. Incontra il butoh nel 2009 grazie all'incontro con il maestro Atsushi Takenouchi che seguirà per 13 anni, diventando la sua assistente nella Scuola di JINEN Butoh in Italia. Studia e approfondisce il butoh con altri importanti maestri come Yoshito Ohno, Masaki Iwana, Yumiko Yoshioka, Minako Seki, Carlotta Ikeda, Sankai Yuku. E' stata invitata a presentare le sue performance e laboratori in Francia, Germania, Polonia, Italia, Belgio, Danimarca, Svizzera, Spagna, Islanda, Canada, Giappone, Taiwan, Mauritius.

Sara Giordanelli è danzatrice e coreografa. Insegnante della scuola di danza del Balletto del Mediterraneo specializzata in pedagogia del movimento presso Chorende progetto Educativo (Roma). Nel suo lavoro fonde i principi costitutivi dell'arte della danza evidenziati dagli studi di Rudolf Laban con quelli in psicocinetica dello sviluppo psicomotorio della persona in età evolutiva condotti dal prof. Jena Le Boulch.

Claudia Adragna è danzatrice, coreografa e performer. Laureata all'Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino in Pittura. Partecipa a 3 edizioni della piattaforma B.I.D.E. (Barcelona International Dance Exchange) in Barcelona. Studia tra gli altri con: Doriana Crema, Raffaella Giordano, Peter Jasko, Frey Faust, Francesca Pedullà, German Jauregui, Mc.Fontanelle, Francesca Cinalli, Daniela Paci, Daniele Ninarello, Adriana Borriello, Nicoletta Cabassi, Giovanni Di Cicco.
Vincitrice nell'annualità 2016-2017 di Ricerca X- Workspace con il progetto How Much. è parte del collettivo Shared Training Torino. Si forma ed è membro del network internazionale Axis Sillabus.

 

   

TITOLO: CORO DI OSSI
AUTORE
: Boghes Noas
CON
: Boghes Noas
GENERE
: Canto Polifonico
QUANDO
: Domenica 10 h 16:30

Il Coro "Boghes Noas" nasce a Ossi nel 1988 ed è attualmente composto da oltre quaranta coristi diretti dal Maestro Prof. Danilo Pingiori. E', per definizione, un coro "polivocale a voci virili", con le quattro sezioni del canto corale sardo impegnate a fondersi in un'unica voce che esprime la gioia di divulgare la storica tradizione del folclore isolano. Il repertorio del Coro Boghes Noas è improntato esclusivamente sulla musica folcloristica sarda, sia sacra che profana e pur non perdendo di vista la proposta dei brani popolari, ormai entrati a far parte della storia del canto corale sardo, pone l'accento su una nuova vocalità, frutto di uno studio, ormai decennale, sulle poesie dei nostri poeti ed in particolare dei poeti di Ossi, come lo è Tiu Pedru Muresu, straordinario poeta ultranovantenne, che mantenendo le atmosfere prettamente "sarde" propone le sue nuove interpretazioni con armonizzazioni che impegnano 4-5 e a volte 6 voci. Il Coro tiene numerosi concerti esibendosi nelle piazze e nei teatri dei vari paesi della Sardegna e del continente.

 

   


SCARICA IL DOSSIER DEGLI SPETTACOLI 2023


 

2022

SCARICA IL PROGRAMMA IN JPG: CLICCA SULL'IMMAGINE

PROGRAMMA
GIOVEDÌ 21 LUGLIO - Molineddu
Apertura zona ristoro ore 19:30
Inizio spettacoli ore 20:30
- UPS! I’M OUT di Claudia Adragna
- UN SER DE LA NADA di Ivelice Brown
- 20-20 di Gabriella Maiorino

VENERDÌ 22 LUGLIO - Molineddu
Apertura zona ristoro ore 19:30
Inizio spettacoli ore 20:30
- DECORATOR CRAB di Ivelice Brown
- BLIND DATE di Giselda Ranieri
- MATÌS di Salvatore Maltana

SABATO 23 LUGLIO - Molineddu
Apertura zona ristoro ore 19.30
Inizio spettacoli ore 20:30
- ESUVIA di Trioxx
- STUDIO PER ROCK di Senza Confini Di Pelle

DOMENICA 24 LUGLIO - Ossi
Inizio spettacolo ore 17:00
- DANZA IN SILENZIO di Aline Nari (pratica a numero limitato)
- PEREGRINI - A RIVEDER LE STELLE di Theadnric Teatrro Nonviolento (spettacolo a numero limitato)



 

LUOGHI
21-23 LUGLIO - PARCO DELLE ARTI DI MOLINEDDU - OSSI (SS)

24 LUGLIO - PARCO FUNDONE - OSSI (SS)

BIGLIETTI
INTERO: 10 EURO (singola serata)
RIDOTTO: 5 EURO dai 7 ai 14 anni
OMAGGIO: sotto i 7 anni
ABBONAMENTO: 25 EURO (tutto il festival)
La pratica "Danza in Silenzio" è ad offerta libera

 

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
338 4040237 - 347 0561735  
senzaconfinidipelle@gmail.com

Pagina FB


Abbiamo bisogno di respirare nuova Aria.
Con questa premessa siamo partiti dall’ideare un spazio aperto di incontro in cui il corpo e la mente respirano nuove energie. Abbiamo pensato ad un Festival in cui la natura e la cultura si incontrano per rigenerare pensieri e relazioni. Il luogo ideale per accogliere queste alchimie è il Parco delle Arti di Molineddu nel comune di Ossi (SS). Il programma di questo primo anno vede il corpo come catalizzatore di poetiche che riflettono la ricerca continua di equilibrio tra tensioni sociali e personali. Tutti gli spettacoli proposti hanno una forte tendenza al multidisciplinare con una propensione per il linguaggio della danza contemporanea.


Apre il Festival giovedì 21 di Luglio la coreografa torinese Claudia Adragna con il suo solo Ups! I’m out”, un onirico viaggio nei mancati appuntamenti e nell’essere fuori tempo, si prosegue lo stesso giorno con altre due performance, un’ospitalità internazionale con la coreografa venezuelana Ivelice Brown che porta il suo solo Un ser de la nada” tra fantascienza e ritmi techno, per chiudere con la coreografa romana Gabriella Maiorino (prodotta per molti anni in Olanda) con il suo duetto “20-20” di grande energia cinetica in cui viene indagata la relazione spaziale di due corpi simbiotici interpretati da Francesca Mazzoni ed Elisa Quadrana.


Ad aprire le danze venerdì 22 Luglio è Ivelice Brown insieme alla danzatrice venezuelana Victoria Villalba con un duetto dal titolo Decorator Crab” una riflessione appassionata sul consumismo dell’abbigliamento e sulla conseguente implicazione ambientale. La serata prosegue con la coreografa di Genova Giselda Ranieri con il suo “Blind Date” e il contrabbassista algherese Salvatore Maltana con il suo ultimo lavoro dal titolo “Matìs. I due artisti si incontrano per la prima volta al Festival per creare un evento unico di inaspettate dinamiche poetiche in cui danza e musica si miscelano in sintonia.


Sabato 23 Luglio si comincia con Trioxx una compagnia di giovani coreografe cagliaritane con il loro primo lavoro dal titolo “Esuvia”, una performance molto intima alla ricerca della propria primitiva identità eseguita da Rachele Montis, Giulia Vacca e Parwanhe Frei. La serata prosegue con uno spettacolo-concerto-happening dal titolo Studio per Rock” della compagnia Senza Confini Di Pelle, che vede un ensamble eterogeneo composto da Dario La Stella (danza), Valentina Solinas (danza), Antonio Baldinu (batteria), Alice Doro (chitarra), Mauro Porcu (narrazione). Un evento unico ed irripetibile in cui i 5 performer si scatenano sulla scena utilizzando diversi materiali sonori, testi, danze, storie di batteristi, portando il pubblico dentro a scenari di concerti Rock e visioni oniriche e lisergiche di grande energia, che mettono addosso la voglia di ballare. A margine della performance viene presentato il libro Metronomicon di Mauro Porcu edito da Tempesta editore.


Chiudono infine il Festival domenica 24 Luglio nell'abitato di Ossi, 2 eventi di grande coinvolgimento, il primo "Danza in Silenzio" della danzatrice e coreografa Aline Nari di Genova che propone al Parco Fundone un momento di condivisione e contemplazione danzata, un’esplorazione guidata del movimento rivolta a tutti gli amanti della danza; il secondo,  della compagnia di Cagliari Theandric Teatro Nonviolento, con lo spettacolo itinerante “Peregrini - A riveder le stelle”, un viaggio esperienziale nella Divina Commedia che attraversa il paesaggio di Ossi passando per il Parco Fundone. Entrambe gli eventi richiedono la prenotazione e sono rivolti ad un numero limitato di partecipanti (max 30).


Con questo respiro finale il Festival si apre verso nuovi orizzonti maturati nelle esperienze di chi ha avuto la possibilità di seguire tutto il suo percorso, con l’augurio di avere sempre Aria nei nostri corpi e nelle nostre menti.

I curatori Dario La Stella e Valentina Solinas

 

CON IL SOSTEGNO DI: